Il Tirreno

Pisa

I nerazzurri 

Gli auguri speciali del presidente: «Un’altra tappa per i nostri sogni»

Andrea Chiavacci
Gli auguri speciali del presidente: «Un’altra tappa per i nostri sogni»

Si chiude il primo anno dell’era dell’americano Knaster Corrado: «E speriamo di tornare presto alla normalità»

31 dicembre 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Andrea Chiavacci

PISA. Niente fuochi d'artificio e feste in piazza ma il Pisa può salutare l'anno che ci lasciamo alle spalle con la bottiglia di champagne: il titolo parziale di campione d'inverno non va negli albi d’oro ma è sicuramente un'iniezione di fiducia per l'anno che verrà. Anno in cui Pisa dovrà difendere il suo primato da una concorrenza agguerrita e alimentare il sogno di tornare in una categoria che all'ombra della Torre manca da 31 anni.

Il presidente Giuseppe Corrado ha tracciato un breve bilancio di questi ultimi 12 mesi: «Per il Pisa è stato un ulteriore anno di consolidamento del nostro percorso di crescita con un nuovo assetto societario che ha dato ulteriore slancio alle progettualità avviate». Il 2021 è stato senza ombra di dubbio l'anno di Alexander Knaster. L'uomo d'affari statunitense che il 19 gennaio scorso ha acquistato il 75% delle quote del club dopo una trattativa relativamente breve e condotta con vera maestria. Per Knaster sono stati dodici mesi in cui i fatti sono contati più delle parole vista la riservatezza del personaggio. Alcune apparizioni allo stadio, la prima a Chiavari contro la Virtus Entella due giorni dopo l'avvento nel club, e altre in città per incontrare sindaco e amministrazione comunale e ribadire che la priorità è la realizzazione del centro sportivo in Gagno. Che per il momento passa avanti anche al restyling dell'Arena Garibaldi che non è certo stata lasciata in disparte. Knaster in estate è stato qualche giorno con la squadra nel ritiro di Rovetta e spesso è stato a San Piero a Grado verso la fine di agosto. Il tempo per poter applaudire la squadra nelle prima due vittorie di questo splendido girone d'andata contro Spal e Alessandria. Ma oltre alle strutture Knaster ha garantito un impegno economico importante, come testimoniano i continui aumenti di capitale, anche per quanto riguarda la squadra. Una rosa quasi interamente di proprietà, solo Beruatto è in prestito dalla Juventus, e una rivoluzione estiva gestita al meglio dal nuovo diesse Claudio Chiellini e dall'amministratore delegato Giovanni Corrado. Tra gli acquisti spicca il gioiello Lorenzo Lucca, che anche se non segna dal 2 ottobre resta un prospetto di primo livello, ma soprattutto i vari Nicolas, Leverbe, Hermannsson, Beruatto, Nagy e Touré hanno permesso alla squadra di trovare la definitiva solidità. Non va dimenticato Cohen,l'acquisto più caro dell'estate, che dopo un avvio difficile ha chiuso bene l'anno solare.

La squadra ha tanti leader vecchi e nuovi e grandi meriti vanno alla capacità di D'Angelo di gestire il gruppo e far sentire tutti importanti. L'esempio è Gaetano Masucci che a 37 anni, dopo un brutto infortunio a inizio anno, ha avuto la forza di ripartire da zero diventando spesso decisivo partendo dalla panchina, così come Sibilli. L'uomo dai gol pesanti. Questa fine anno però è stata contraddistinta da una nuova impennata di casi covid, che hanno portato alla sospensione del campionato, mettendo in difficoltà anche il Pisa come nel marzo scorso.

Lo stesso Giuseppe Corrado ha sottolineato le difficoltà legate alla pandemia: «Il 2021 che ci lasciamo alle spalle è stato un altro anno difficile per tutti noi e per il Paese. Un anno dove i segnali di ritorno alla normalità sono stati ancora molto deboli e lontani dal poter dimostrare che tutto è ritornato come prima. Sono proprio però queste indicazioni che ci devono infondere coraggio e voglia di continuare a lavorare per raggiungere traguardi sempre più importanti. All’anno che è alle porte, chiediamo salute e serenità per tutta la nostra comunità, per il nostro Paese, con la speranza davvero di poter guardare gli ultimi due anni solo come un brutto ricordo. Questo anche attraverso un'Arena senza più limitazioni e dove saremo tutti uniti a sostenere la nostra squadra. L'augurio è che il nuovo anno rappresenti un ulteriore passo in avanti, una ulteriore tappa importante del nostro cammino, dei nostri progetti e anche dei sogni di tutto il popolo che ama i nostri colori nerazzurri».© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La ricostruzione

Morto in moto a Grosseto, chi era il dentista Lapo Bernardi e la testimonianza: «Ho visto la manovra fatale»

di Maurizio Caldarelli