Il Tirreno

Pisa

L’evento

Cascina, le donne nell’arte in esposizione

di Sabrina Chiellini
Cascina, le donne nell’arte in esposizione

Art View 2024, il festival organizzato alla Città del teatro di Cascina da Fondazione Sipario Toscana andrà avanti fino al 19 maggio

11 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CASCINA. Le donne nell’arte, da Artemisia Gentileschi, diventata un’icona contro la violenza verso le donne, alle pittrici dell’Impressionismo a Frida Kahlo, sono al centro del festival “Art View 2024, organizzato alla Città del teatro di Cascina da Fondazione Sipario Toscana con il contributo di Fondazione Pisa. Storie unite dal desiderio di indipendenza, da forza e libertà femminile.

Nove giorni di eventi, dal 10 maggio fino al 19 maggio, dedicati alle artiste che con la loro vita e le loro opere hanno trasformato il ruolo delle donne all’interno dell’arte. Un interessante viaggio tra letteratura, teatro, musica e fotografia, iniziato con la lectio magistralis di Cristina Acidini, già soprintendente del Polo museale della Città di Firenze, sul tema centrale del festival.

La Città del teatro, impegnata  in un importante intervento per la riqualificazione del teatro cascinese, chiude la programmazione teatrale e festeggia i 30 anni del teatro, ora presieduto da Pier Paolo Tognocchi.

Oggi (alle 11) sarà inaugurata la mostra “Fotografe dagli Archivi Alinari” a cura di Emanuela Sesti, un’esposizione di opere di Wanda e Marion Wulz, Edith Arnaldi e Ketty La Rocca. A seguire interverranno Giorgio van Straten, Presidente della Fondazione Alinari e Emanuela Sesti, consulente scientifica della Fondazione Alinari che illustrerà le opere accompagnando i visitatori alla visione della mostra. Mentre alle 21 ci sarà il concerto di Teresa Salgueiro, unica data toscana, accompagnata per l’occasione dal Solis String Quartet e dal percussionista Rui Lobato.

Per arricchire il festival la Fondazione Pisa ha deciso di riconoscere l’ingresso gratuito per visitare le opere di Artemisia Gentileschi – che sono nella collezione permanente di Palazzo Blu – a tutti coloro che potranno esibire il biglietto dello spettacolo “Claroscuro De Artemisia”, con Ana Continente e Pilar Almalè, previsto per domenica 19 maggio alle 21, alla Città del Teatro. Una iniziativa nel pieno spirito della rassegna, che vuole celebrare il talento delle donne nell’arte, e che si aggiunge al sostegno che la Fondazione Pisa ha riconosciuto al Festival, con l’obiettivo di creare un legame forte sul territorio fra teatro, musei e luoghi di cultura. Palazzo Blu ospita due opere della pittrice, che sono “Clio, musa della storia” (1632) e “Il Cristo e la Samaritana al pozzo” (1636 – 1637) ; inoltre appartiene alla collezione permanente anche il ritratto di Artemisia Gentileschi, realizzato dal pittore francese Simon Vouet nel 1623.

Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»