Il Tirreno

Pisa

calci: mostra nell’atrio comunale 

Installazioni di Ghezzi simbolo della memoria nella Valgraziosa

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





calci. Taglio del nastro (nella foto sopra) per “Naturografie della Valgraziosa”, l’installazione dell'artista aretino Roberto Ghezzi che, dal 9 marzo 2019, è stata la protagonista di una zona – in località Tre Pini – percorsa dal terribile incendio del 2018.

L’installazione – composta da alcune delle naturografie disposte in forma di spirale aurea – è da ieri esposta nell’atrio del palazzo comunale quale simbolo di memoria, rinascita e ripartenza.

Inaugurazione alla presenza dell’artista, della curatrice Paola Iacopetti, dell’assessora alla cultura Anna Lupetti e del sindaco Massimiliano Ghimenti.

La ricerca di Ghezzi è da sempre volta ad indagare l’estetica del dato naturale e a dialogare con l’ambiente circostante; il significato di naturografia è proprio quello di creare attraverso la natura.

Nel caso di specie Ghezzi affida al terreno e al bosco devastato dall’incendio tele bianche preparate con composti organici al fine di innescare un dialogo teso a cogliere, in un’unica opera, le tracce del dramma del fuoco e quelle della rinascita. Memoria del luogo, quindi, monito e auspicio per il futuro nel segno del rispetto e della conoscenza. Molte delle installazioni realizzate da Ghezzi, come quella del Monte Pisano, seguono la forma della spirale aurea. Il rapporto aureo è l’anello di congiunzione tra la natura e la matematica, il punto di incontro tra la suprema armonia del cosmo e il modello che lo rappresenta. Ma c’è anche un ulteriore motivo che caratterizza la scelta dell’artista: la spirale di Fibonacci è anch’essa una spirale aurea: quindi armonia uomo e natura e omaggio al grande genio del matematico pisano nato in queste bellissime terre.

«Le naturografie sono rimaste a lungo a Montemagno e gli interessati, o semplicemente i camminatori, hanno potuto vederle imbattendosi casualmente lungo il sentiero che attraversa i terreni devastati dall’incendio. Sono molto felice di averle donate al Comune di Calci, come memoria di ciò che è stato e auspicio per ciò che sarà», ha detto Ghezzi.

A concludere l’assessora alla cultura Lupetti: «Ringrazio sentitamente Roberto Ghezzi e Paola Iacopetti per aver realizzato queste opere e per averle donate al nostro Comune. È un onore averle esposte all'interno del palazzo municipale e ogni giorno stanno lì a ricordarci la speranza e la ripartenza scaturite dopo il terribile incendio. Il nostro auspicio è quello di realizzare altrettante installazioni, opere e momenti come questo partendo, certamente, da eventi belli e positivi per il nostro territorio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Incidenti stradali

Prato, perde il controllo della moto e si schianta contro un albero: morto a 49 anni