Il Tirreno

Pisa

san giuliano 

Arriva la bonifica dopo il rogo degli scuolabus Conto di 20mila euro

Arriva la bonifica dopo il rogo degli scuolabus Conto di 20mila euro

La prima fase è la rimozione del terreno bruciato Di Maio: «Un atto doloso fatto pagare alla collettività»

30 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





san giuliano. Costerà più di 20mila euro la sistemazione definitiva dell’area di fronte al Parco della Pace di Pontasserchio dove sono stati distrutti dalle fiamme tre scuolabus.

Il fatto è accaduto la notte tra il 25 e il 26 settembre scorsi e il rogo, con ogni probabilità, ha avuto origine dolosa. Le indagini sono ancora in corso.

Si procederà come fase iniziale alla rimozione superficiale del terreno per circa dieci centimetri di profondità.

Poi verrà effettuato il campionamento sul fondo scavo e si procederà con analisi di laboratorio.

In base al risultato, si capirà come smaltire il rifiuto e se procedere con eventuali altri campionamenti e analisi. Nel momento in cui i risultati delle analisi saranno conformi alla normativa, si sistemerà l’area di intervento e si smantellerà il cantiere. «È stato predisposto il cantiere per effettuare l’intervento a cura della ditta La Rapida in collaborazione con il nostro ufficio ambiente, che ringrazio – commenta il sindaco Sergio Di Maio – siamo alle solite: attendiamo la conferma dell’origine dolosa dell’incendio, come sembra, ma voglio ribadire che ci vuole poco per danneggiare un bene pubblico e molto, molto di più per ripararlo, per non parlare di un servizio importante come il trasporto scolastico. E in questo caso c’è anche un costo economico consistente che sosteniamo esclusivamente con le casse comunali. Come amministrazione ci auguriamo che i presunti responsabili vengano identificati».

«Non penso ci sia bisogno di spiegare l’importanza del trasporto scolastico, specie in un periodo complicato come quello che stiamo vivendo da quasi due anni – conclude l’assessora all’istruzione Lara Ceccarelli, in linea con il sindaco – dopo il fatto, c'è stato un grande lavoro di squadra per ridurre al minimo i disservizi dovuti alla mancanza di mezzi e ne approfitto per ringraziare nuovamente chi si è messo a disposizione, compresi i genitori dei ragazzi coinvolti che hanno compreso e dato una mano per quanto possibile. Ben venga la bonifica dell’area, confido si faccia definitivamente luce sulla vicenda: è un gesto che condanno con fermezza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Il caso

Livorno, l’evaso dal carcere ripreso alla stazione di Roma Tiburtina