Il Tirreno

Pisa

il lutto

Calcio, addio a Morini: storico stopper degli anni '70

Francesco Morini
Francesco Morini

Fatale un infarto, era originario di Arena Metato

31 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





SAN GIULIANO TERME. La Juventus piange la scomparsa di Francesco Morini, aveva 77 anni. Lo rende noto lo stesso club bianconero. Morini, nato a San Giuliano Terme il 12 agosto 1944, è deceduto a Forte dei Marmi per infarto. Era originario di Arena Metato. E' stato qualcosa di più dello stopper bianconero per molti anni, come una volta venivano definiti i centrali difensivi. Lui è stato l'elemento di sicurezza - si legge sul sito del club - il giocatore straordinariamente affidabile sempre presente e particolarmente efficace ogni qualvolta la partita assumeva toni agonistici elevati. Non a caso, per tutti Francesco era Morgan, il nome di un pirata, per come riusciva a sottrarre il pallone ai centravanti avversari. Ed erano proprio i duelli con i grandi bomber dell'epoca - Boninsegna e Riva su tutti - ad esaltarlo nei duelli corpo a corpo: Morini diventava l'ombra dell'attaccante di turno, non lo faceva respirare, lo marcava a uomo dal primo all'ultimo minuto. Alla Juventus ha vissuto un decennio che definire splendido è riduttivo. Francesco arriva dalla Sampdoria quando ha 25 anni. É il 1969, sta nascendo una nuova Juve ricca di gioventù e lui, che in Serie A ha già fatto il suo esordio nella stagione 1963-64, regala un contributo d'esperienza e di energia. Vince molto, Morini: 5 campionati, 1 Coppa Italia, 1 Coppa Uefa. Il totale è di 372 partite, senza mai segnare un gol - cosa sulla quale ironizzava spesso quando ricordava i suoi trascorsi - perché il suo compito istituzionale era impedirli, non farli. Alla Juventus Morini ha regalato ancora competenza e passione dopo avere abbandonato la carriera da giocatore. Ne è stato direttore sportivo e poi team manager, vivendo in prima linea un periodo straordinario di successi, dal 1981 al 1994. Da aggiungervi vi è la sua simpatia. Chi lo ha conosciuto, sa quanto ricchi fossero i suoi racconti, quanto piacere sapeva esprimere nell'essere stato un grande protagonista del calcio e della Juventus. "Ci ha lasciato un pezzo di noi. Grazie di tutto, Morgan", scrive la Juve.

[[atex:gelocal:il-tirreno:sport:1.38367598:gele.Finegil.StandardArticle2014v1:https://www.iltirreno.it/sport/2020/01/22/news/ho-giocato-nella-juve-grazie-ad-anastasi-non-mi-faceva-mai-gol-e-chiese-prendetelo-1.38367598]]

 

Le ultime
Cibo e pericoli

Cereali ritirati dai supermercati italiani: si rischia di soffocare

Cinema in Toscana