Il Tirreno

Pisa

raid sul litorale 

Furti in due ristoranti, al Peschereccio il ladro dimentica il cellulare

P.B.
Furti in due ristoranti, al Peschereccio il ladro dimentica il cellulare

30 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





marina di pisa. «Che devo dire? È la seconda volta in un mese».

Fabrizio Fiorini è il titolare, nonché lo chef, del ristorante “Il peschereccio” in via della Repubblica Pisana, noto locale affacciato sul mare.

Nella conta quotidiana di chi subisce furti il nome della sua attività è tornato ad arricchire l’elenco dei bersagli dei ladri non solo sul litorale.

Gli fa compagnia nella sgradita lista anche il “Retone 136” sul lungarno D’Annunzio e un negozio di estetica di Marina dove hanno portato via qualche spicciolo e alcuni prodotti di cosmesi.

Un accesso reso possibile dopo aver scardinato la porta provocando danni superiori al valore della refurtiva.

Al Pescherecchio sono entrati forzando una porta-finestra. Il proprietario è rimasto fino alle 2 per sistemare ambienti e cucina. Il ladro è entrato poco dopo dirigendosi subito al bancone dove ha preso il fondo cassa, circa 300 euro.

Nella fuga, però, la sorte gli ha giocato un brutto tiro: ha perso il telefonino che ora è a disposizione della polizia arrivata con una volante per un primo sopralluogo.

Verso le 3 l’intrusione al “Retone 136” con il bottino tradotto in un cellulare, peraltro recuperato dalla polizia e consegnato ieri pomeriggio al titolare del ristorante.

«Ha messo a soqquadro il locale e fatto un po’ di confusione – spiega il proprietario –. Soldi non ce n’erano perché non li teniamo nel locale. Niente fondo cassa. Si è preso il cellulare, ma poi ce lo hanno restituito».

P.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
La macabra scoperta

Orrore tra gli scogli, una neonata trovata morta dentro uno zaino

Cinema in Toscana