Il Tirreno

Pisa

tutela dell’ambiente 

Trattore super attrezzato per la cura dei Monti Pisani

Trattore super attrezzato per la cura dei Monti Pisani

Il mezzo è stato acquistato grazie ai voti ricevuti nell’iniziativa “I Luoghi del Cuore” Servirà alle operazioni di pulizia in zone impervie. Il grazie dei sindaci Ferrucci e Ghimenti

30 aprile 2021
4 MINUTI DI LETTURA





CALCI. Da alcuni giorni sui Monti Pisani, in virtù del suo posizionamento al primo posto della classifica nazionale del nono censimento “I Luoghi del Cuore”, nel 2018, è al lavoro un nuovo trattore, molto potente e ben attrezzato. Il nuovo mezzo permette consistenti operazioni di pulizia e ripristino e interventi in somma urgenza, passa per le piste forestali e consente agli operai del cantiere forestale di intervenire nelle zone più impervie.

Grazie ai 114.670 voti ricevuti, i Monti Pisani, che rappresentano il punto di unione naturale tra le province di Pisa e Lucca e rientrano in due aree naturali protette di interesse locale (Anpil) istituite per tutelarne i valori ambientali ma anche storici, hanno ottenuto il contributo di 55mila euro messo a disposizione dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) e Intesa Sanpaolo nell’ambito del progetto “I Luoghi del Cuore”, il censimento dei luoghi italiani da non dimenticare. A questi si sono sommati i circa 17mila euro stanziati dalla Regione Toscana e i circa 20mila messi a disposizione dal Comune di Calci, necessari per completare l'acquisto del mezzo forestale con l’allestimento di attrezzature da lavoro del mezzo.

Il 24 settembre 2018 un terribile incendio, divampato rapidamente nella notte, spinto da un vento fortissimo, ha mandato in fumo circa 1.200 ettari di bosco e oliveti, distruggendo ben 12 abitazioni e arrivando a lambire paurosamente, ma senza raggiungerla, la Certosa di Calci, seconda classificata al censimento Fai del 2014 con oltre 92.000 voti. L’area colpita dal disastro interessa in particolare il territorio dei comuni di Calci e di Vicopisano.

All’indomani del rogo l’associazione “Amici della Certosa di Calci”, già attiva, sebbene non costituita ancora ufficialmente, nel 2014 a favore della Certosa di Calci, ha promosso una raccolta di firme per i Monti Pisani, coinvolgendo subito i Comuni di Calci e di Vicopisano in una serie di iniziative e lanciando uno straordinario passaparola mediatico, soprattutto attraverso la pagina Facebook del comitato “Insieme per i Monti Pisani”, tra cittadini e istituzioni dell’area pisana (ricordiamo in particolare l'Università di Pisa e i supporter del Pisa Sporting Club), arrivando, in poco più di due mesi, a totalizzare il maggior numero di voti mai ottenuto in occasione di un censimento de “I Luoghi del Cuore”.

L’intervento sostenuto dal Fai e da Intesa Sanpaolo, e richiesto dai Comuni di Calci e di Vicopisano, ha voluto offrire una risposta concreta ai bisogni del territorio, a beneficio di tutta l’area del Monte. Per questo il contributo concesso è stato impiegato per l'acquisto di un mezzo forestale di grande valore, imprescindibile per la manutenzione dei percorsi, delle piste forestali e delle linee tagliafuoco nell’ampia area naturale del Monte. Esso permetterà, inoltre, ai due Comuni di svolgere in economia diretta numerose opere di pulizia e di ripristino, utili per assicurare a cittadini, turisti ed escursionisti e a tutti coloro che vivono ogni giorno il Monte, una sua fruizione in sicurezza e altresì indispensabili per gli interventi di urgenza legati a eventuali, nuove emergenze.

Nel frattempo il personale preposto all’utilizzo del trattore ha effettuato il corso specifico per guidarlo e per sfruttarne al massimo e al meglio tutte le potenzialità e il Comune di Calci ha fatto quanto era necessario per iniziare immediatamente a usarlo per i molteplici lavori previsti dal piano di gestione del patrimonio agricolo-forestale dei Monti Pisani, per le operazioni antincendio boschivo-Aib e per gli interventi del Piano di Sviluppo Rurale programmati nel vasto territorio.

«Senza il contributo davvero generoso del Fai – commenta il sindaco di Calci Massimiliano Ghimenti – e quello della Regione, che hanno reso sostenibile la quota rimasta in carico al bilancio del nostro Comune, non saremmo riusciti a dotarci di questo mezzo così importante, per questo non possiamo che essere grati al Fai e a Intesa Sanpaolo del contributo e, più in generale, di aver creato questa iniziativa di valorizzazione dei tanti luoghi che meritano di essere riscoperti, salvati e valorizzati in tutta Italia. Ma non possiamo non citare e ringraziare, in primis, ovviamente, il comitato promotore, le locali delegazioni Fai e tutti i cittadini che con la propria firma, cartacea oppure online, ci hanno votato per questo riconoscimento. Grazie davvero a tutti e ora continuiamo a metterlo in moto per lavorare alla prevenzione sul Monte». «Vorrei ringraziare prima di tutto – afferma il sindaco di Vicopisano Matteo Ferrucci – l’associazione “Amici della Certosa” e l’allora presidente Fabiola Franchi, attuale assessora al Monte Pisano del nostro Comune, per averci coinvolto nella raccolta firme del censimento Fai “I Luoghi del Cuore”, coronata da questo risultato magnifico».

Primo piano
Il caso

Livorno, evade dal carcere delle Sughere: chi è e come è riuscito a scappare

di Stefano Taglione