Il Tirreno

Pisa

camminamento in quota 

Da sabato si può tornare a salire anche sulle mura

Da sabato si può tornare a salire anche sulle mura

29 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PISA. Da sabato 1° maggio riaprono al pubblico le mura di Pisa. Con l’ingresso nella zona gialla e le nuove normative, nei weekend il percorso in quota torna percorribile in tutta la sua estensione, da piazza dei Miracoli fino ai lungarni, con prenotazione obbligatoria. Una passeggiata urbana che si snoda a 11 metri di altezza da cui è possibile ammirare il centro storico da una prospettiva inedita, scoprendo angoli di bellezza inaspettati, un viaggio nella storia della città dall’epoca romana, tra lo skyline cittadino formato dai campanili medievali e i panorami suggestivi sui monti. Dalla Torre Santa Maria in piazza dei Miracoli alla Torre di legno a due passi dai lungarni, un percorso di 3,2 km con due punti di discesa intermedi.

Apertura tutti i sabati e le domeniche con orario 10-13 e 16-19, prenotazione obbligatoria a fasce orarie, ultimo accesso possibile mezzora prima della chiusura. Biglietto intero 3 euro, ridotto 2 euro per i residenti, gratis per i bambini fino a 8 anni. Divieto di assembramento e mascherina da indossare per una visita in totale sicurezza, ingresso da Torre Santa Maria e discesa possibile alla Torre piezometrica, in piazza delle Gondole e alla Torre di legno dietro piazzetta del Rosso.

Per le persone diversamente abili salita e discesa possibili in tutti e questi ultimi tre punti.

Prenotazione allo 0500987480 chiamando dal lunedì al sabato dalle 9 alle 13. Per motivi di sicurezza il percorso chiude in caso di maltempo.

CoopCulture, Cooperativa Itinera e Promocultura costituiscono l’associazione di imprese che gestisce il camminamento in quota. Realizzate tra il XII e il XIII secolo, le mura sono un esempio dell’architettura militare dell’epoca, un segno della grandezza della Repubblica Pisana e oggi un punto di vista privilegiato da cui ammirare la città. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
L’analisi

Astensionismo in Toscana, da Berlinguer a Vannacci perché alle Europee si vota sempre meno

di Libero Red Dolce e Federica Scintu