Il Tirreno

L’operazione

Val di Cornia, la finanza sequestrati beni a un’azienda vitivinicola: congelati 619mila euro

Val di Cornia, la finanza sequestrati beni a un’azienda vitivinicola: congelati 619mila euro

Le fiamme gialle hanno proceduto nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Livorno. Ipotesi di reato: fallimento, violazioni tributarie e autoriciclaggio

13 maggio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. La guardia di finanza ha sequestrato tutto. Un’intera azienda finita nel mirino delle fiamme gialle. Complessivamente, un patrimonio da 619mila euro completamente congelato. Succede in Val di Cornia e protagonista è una nota azienda vitivinicola. 

L’operazione

In una nota diffusa nella mattina di lunedì 13 maggio, la guardia di finanza spiega che la compagnia di Piombino, al termine di una lunga indagine coordinata con la Procura di Livorno, ha dato esecuzione a un provvedimento di sequestro preventivo nei confronti di un’azienda del settore vitivinicolo della Val di Cornia.

L’ipotesi di reato

L’ipotesi di reato è connessa a fallimento, violazioni tributarie e autoriciclaggio. Il sequestro da 619mila euro comprende beni e saldi attivi di conti correnti. 

Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana