Il Tirreno

Stagione balneare

Salivoli, l’unica spiaggia di città ancora ostaggio della posidonia

di Cecilia Cecchi
Salivoli, l’unica spiaggia di città ancora ostaggio della posidonia

Giannoni (L’Ormeggio): «Il recupero i primi di maggio»

23 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Salivoli, unica spiaggia di città che – come ogni anno – è e sarà purtroppo, a lungo, impraticabile. Ancora ostaggio della posidonia, in attesa che ne venga avviato il recupero e riposizionamento.

E persino per la regata nazionale classe Windsurfer ad inizio aprile (più di 50 atleti anche da Francia, Giappone e Spagna) c’è voluta la ruspa per assicurare l’accesso alla battigia. Comunque anche ieri, al primo sole, gli irriducibili sono arrivati. Famiglie coi bambini e persone anziane che fanno fatica a raggiungere gli altri arenili, perché fuori città o, semplicemente, con accessi impervi e faticosi. Alle 12 al bar dei Bagnetti Salivoli – aperto da Pasqua – pareva già inizio estate. «E dal primo maggio – ricorda il gestore Paolo Caramante – ci sarà il bagnino per garantire la sicurezza in mare». Ma non è come a Baratti o in Costa Est: il bagnino lavora anche se non ci sono né l’accesso al mare, né gli ombrelloni.

In realtà gli operatori economici e sportivi impegnati in spiaggia (ristorante, scuola surf e operatrici del campo solare estivo) sono già stati in Comune a sollecitare sia la rimozione della posidonia dall’arenile che il secondo lotto dei lavori sul Rio Salivoli mai partiti. «Rio da dove, tra l’altro, da tre anni non c’è più lo scivolo per mettere in mare i natanti – ricorda uno dei frequentatori più appassionati – ora bisognerebbe andare a Baratti» .

Per la regata di Windsurfer la situazione comunque si è risolta grazie al mezzo meccanico a disposizione della Lega navale italiana sezione Piombino. «Hanno partecipato più di 50 atleti con il seguito di sostenitori: più o meno 97 presenze in tutto nei due giorni della gare – racconta il presidente della Lega navale Davide Del Seppia – . Bello far conoscere Piombino dal mare anche grazie al supporto del Centro velico Piombinese e al patrocinio del Comune. Una bella gara – aggiunge – con Andrea Marchesi, vincitore assoluto e nella categoria Leggeri e Grand Master, il piombinese Alessandro Torzoni, secondo assoluto e primo nella categoria Pesanti e Master. Bruna Ferracane, prima fra le donne, classificata 6ª assoluta. Emozionante poi l’incontro-scontro di uno dei surfisti con una tartaruga marina... poi tutti e due hanno ripreso il mare! » .

Un altro evento di rilievo che però ancora una volta ha messo subito in risalto quanto sarebbe importante poter usufruire della spiaggia di Salivoli più a lungo e non solo durante la stagione estiva. Tant’è che proprio in questi giorni c’è stato il sopralluogo dei tecnici dell’associazione sportiva dilettantistica Toscana kayak fishing in vista del prossimo campionato italiano (1-2 giugno) .

«Ma avremmo davvero bisogno – dice il presidente Alessio Di Roberto – che la spiaggia fosse “pulita”. Prevediamo una trentina di partecipanti che dovranno scendere alla battigia con i carrelli...».

Rassicurazioni da Luciano Giannoni, presidente della Coop L’Ormeggio (che gestisce la Marina): «I tempi sono quelli classici – spiega – abbiamo già fatto il sopralluogo col Comune e chiesto alla ditta il preventivo di spesa. Si dovrebbe deliberare nel prossimo consiglio o comunque a breve. Le operazioni di recupero e spostamento della posidonia? Prevedibili per inizio maggio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Le ultime
La tragedia

Le regalano lo scooter per i 18 anni: ragazza si schianta e muore

Cinema in Toscana