Il Tirreno

La fabbrica

Piombino, Ryzhenkov sulla nuova acciaieria: «Accordo definitivo in 3-4 mesi»

Il rendering dell’impianto Metinvest Danieli previsto nelle aree di Ischia di Crociano
Il rendering dell’impianto Metinvest Danieli previsto nelle aree di Ischia di Crociano

L’ad di Metinvest: «Taranto? Vedremo, la nostra priorità resta Piombino»

26 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Piombino resta la priorità del Gruppo Metinvest. Taranto o non Taranto. È quello che ha ribadito l’amministratore delegato della multinazionale ucraina Yuriy Ryzhenkov in un’intervista pubblicata su Repubblica.

Il gruppo dell’acciaio ucraino Metinvest prevede la finalizzazione dell’accordo di programma per la nuova acciaieria verde di Piombino entro tre-quattro mesi, mentre per l’ex Ilva di Taranto sta facendo una valutazione basata su una due diligence.

«Innanzitutto vorrei esprimere la mia gratitudine all’Italia, sia alle istituzioni sia al popolo italiano per il sostegno che ci hanno dato in questo periodo difficile – afferma l’Ad Ryzhenkov a Repubblica –. Metinvest ora si è impegnata a costruire una nuova acciaieria verde a Piombino attraverso un accordo di programma con il ministro del Made in Italy, accordo che ha visto la collaborazione di tutte le istituzioni, a partire da Regione e Comune e che pensiamo di finalizzare nei prossimi tre quattro mesi in modo da avere un piano preciso di intervento». L’obiettivo è quello di realizzare la nuova acciaieria elettrica nelle aree di Ischia di Crociano oggi occupate da impianti Jsw che verranno smantellati.

«Il ministro Urso – ha continuato il manager – ci ha chiesto di guardare anche a Taranto per un possibile intervento nel rilancio e noi abbiamo messo in piedi una task force dedicata per analizzare la situazione e gli scenari. Stiamo dando il nostro supporto fornendo materie prime a Taranto e anche tecnici e ingegneri che possono aiutare ad utilizzare al meglio le nostre materie prime, oltre a comprare semilavorati da Taranto. Detto questo al momento il nostro impegno principale è rivolto a Piombino. Ma continuiamo ad analizzare le modalità con cui Metinvest potrebbe essere coinvolta in maniera più profonda a Taranto anche se al momento non c`è alcun annuncio da fare al riguardo. Ci sono molte cose da verificare prima che un gruppo come Metinvest si possa dire interessato a un investimento di questa entità. Al momento posso solo confermare che stiamo analizzando la situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Lo studio

Comuni più ricchi d’Italia, una sorpresa in Toscana – La classifica completa e i dati per ogni regione