Il Tirreno

Portoferraio 

Blitz dei cinghiali in periferia «Serve una soluzione subito»

31 agosto 2021
1 MINUTI DI LETTURA





PORTOFERRAIO. Ennesima segnalazione di danni procurati dai cinghiali alle colture e ai poderi nelle immediate vicinanze di Portoferraio. Questa volta l’allarme è partito da Paolo Parrini che invoca presso «le autorità preposte interventi decisivi» per quanto riguarda la permanenza dei suini selvatici sulla maggiore isola della Toscana.

«Ho scattato queste fotografie in via del Brunello – scrive Parrini –, quindi non distante dalla periferia della città. Mostrano l’azione insistente provocata dai cinghiali a danno delle colture, dei fossi e degli argini. Un pericolo anche in caso di piogge, che sappiamo sono sempre più intense. Nonostante le segnalazioni mie e di altri, il problema non si risolve e si rende necessario, quindi, un intervento decisivo».

Intanto continua la raccolta di firme alla petizione già sottoscritta da una cinquantina di titolari di aziende elbane. Questa volta a firmare sono semplici cittadini che chiedono si arrivi quanto prima all’eradicazione del cinghiale dall’Elba, alla cancellazione dell’area vocata al cinghiale e allo stralcio dell’Elba dal Piano faunistico-venatorio regionale con realizzazione di uno studio e di un piano adatto a un’isola votata all’agricoltura e al turismo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole