Il Tirreno

minoranze consiliari polemiche 

«Ferrari strumentalizza il disagio dei ristoratori e non fa nulla per loro»

«Ferrari strumentalizza il disagio dei ristoratori e non fa nulla per loro»

Nel mirino la manifestazione contro il coprifuoco alle 22 «Limitate le celebrazioni del 25 aprile, due pesi e due misure» 

29 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Fa ancora discutere la manifestazione di domenica sera in cui circa 200 persone sono scese in strada per protestare con slogan e fumogeni contro il coprifuoco alle 22.

«Siamo solidali con le categorie produttive fortemente penalizzate dalla pandemia ma da un’istituzione ci aspettiamo azioni concrete e non solidarietà a parole, o peggio la strumentalizzazione delle difficoltà per raccogliere consenso. Troppo facile governare così».

Sono compatte le minoranze (Gruppi consiliari Pd, Anna per piombino, Movimento 5Stelle, Ascolta Piombino), nel criticare sul tema il sindaco Francesco Ferrari.

«Siamo tutti consapevoli delle difficoltà che stanno attraversando le categorie economiche in questo periodo – dicono i gruppi in una nota – soprattutto quelle che, come i ristoratori, scontano mesi di inattività e sono alle prese comunque con e spese che corrono ugualmente». Se questa è la premessa, i gruppi di minoranza spiegano di aver letto «le parole di vicinanza del sindaco e abbiamo visto sui social i video della manifestazione di “disobbedienza “al coprifuoco. Resta un dubbio, prima di esprimere vicinanza alle iniziative di disobbedienza civile: dove sono le iniziative concrete, pur piccole di fronte alle enormi perdite dei comparti della ristorazione e dell’accoglienza, che si potevano mettere in campo e che avevamo proposto di adottare in sede di approvazione del bilancio di previsione»?

Per Partito democratico, Anna per Piombino, 5 Stelle e ascolta Piombino «è grave che rappresentanti delle istituzioni non si pongano come esempio di rispetto delle regole ma di accondiscendenza verso chi le disattende».

«La mattina dello stesso giorno – concludono le minoranze – si è celebrata la ricorrenza del 25 aprile con le limitazioni dettate dalla situazione sanitaria e degli obblighi imposti dalla legge. Due pesi e due misure francamente poco giustificabili». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La stagione in arrivo

Toscana, l'estate del turismo parte col vento in poppa ma pesano i capricci del meteo

di Barbara Antoni