Il Tirreno

Montecatini

La Gema in rimonta espugna Cassino e ottiene la certezza di restare in serie B

di Raffaello De Maio
La Gema in rimonta espugna  Cassino  e ottiene la certezza di restare in serie B

Nelle ultime cinque giornate i termali potranno anche tentare l’attacco alla zona playoff

28 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CASSINO. La classica partita dai due volti consegna alla Gema una vittoria importantissima: la squadra di Del Re espugna Cassino (71-76) ritrovando la vittoria in trasferta che mancava da tre mesi, e ottenendo la matematica certezza di giocare anche il prossimo anno in serie B, ovvero il risultato da sempre inseguito. Nelle cinque giornate che mancano la Gema può inseguire il Grande Sogno, ovvero un posto nei playoff, che sarebbe strameritato. E la Gema del secondo tempo offre ampie garanzie di poter arrivare nelle magnifiche otto, a patto di giocare con la stessa voracità e determinazione della seconda parte di gara. Il primo tempo infatti è quasi tutto di marca Cassino, tranne brevi tratti del primo quarto in cui la Gema illude di aver capito quale partita giocare. La squadra di Auletta mette in campo l’energia tipica di chi ha bisogno di una vittoria come l’aria per togliersi dalle sabbie mobili dei playout, enfatizzata dai rumori di fondo del bunker del PalaVirtus, chiuso al pubblico per motivi di agibilità. La squadra di casa viaggia al doppio della velocità della Gema in attacco e in difesa, sporcando le linee di passaggio e impedendo ogni tipo di penetrazione. L’unico sussulto dei termali è firmato Passoni, che pompa 7 punti nel break iniziale di 11-2 che ribalta il 9-3 iniziale. Da qui in poi in campo c’è solo Cassino, soprattutto in un secondo quarto dove Montecatini viene travolta dall’intensità avversaria. Moreaux (15 punti con 7/11 al tiro nei primi 20’) fa quello che vuole nel pitturato, il redivivo Del Testa piazza un 3\4 da tre punti che spinge il vantaggio laziale a +13 (39-26 al 17’). La Gema reagisce con Passoni e Mastrangelo, ma alla partita si iscrive anche Gay che piazza la tripla del +9, risultato con cui si va all’intervallo.

Nella ripresa, toccato il -16 con tripla di Mlosevic, la squadra rossoblù si rianima. Angelucci segna da tre e mette pezze in difesa, sotto il canestro termale non passa più uno spillo e la rimonta è inesorabile. A turno, i giocatori di Del Re si ergono a protagonisti: Corgnati con 5 punti nel finale del terzo quarto, Mastrangelo con i canestri del pareggio e del sorpasso, Pirani con 6 punti consecutivi per l’allungo decisivo. E non potevano mancare i liberi di capitan Savoldelli per blindare una vittoria sofferta, ma certamente meritata per il carattere mostrato nel momento più difficile.

Primo piano
Turismo

Il ponte del 25 aprile? Sulle piste a sciare: «Nevicata eccezionale». Ecco gli impianti aperti in Toscana