Il Tirreno

Montecatini

Gema risolve la pratica Salerno non senza qualche sofferenza

di Raffaello De Maio

	Mazzantini in azione
Mazzantini in azione

Montecatini ingrana la marcia nella ripresa, con un parziale decisivo di 16-2 a firma di Mazzantini e Pirani. Dopo quattro mesi torna a giocare Angelucci

12 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





MONTECATINI. La Gema risolve la pratica Salerno non senza qualche sofferenza, figlia di una partita a sprazzi vinta grazie a una ripresa di gran carattere.
Il finale (67-55) sottolinea la buona efficienza difensiva dei rossoblù, con i 13 punti subiti nel terzo quarto che hanno fatto da spartiacque per la vittoria. Ma la notizia del giorno, oltre alla vittoria, è che per la prima volta in questo campionato, dopo 23 giornate, coach Del Re ha potuto finalmente schierare la squadra al completo, con Angelucci tornato arruolabile dopo 4 mesi, in campo per 13’ con un canestro e 3 rimbalzi ma soprattutto tanta voglia di tornare in campo.
Il primo tempo della Gema non è entusiasmante, con tanti errori da sotto e la mira sbilenca dalla lunga distanza: il tappo lo toglie Mastrangelo a 50” dalla fine del secondo quarto, dopo sette tentativi andati a vuoto. Gli ospiti giocano un primo tempo senza troppi eccessi, guidati da un lucido Spizzichini (5 assist) che imbecca un tonico Acunzo, unico giocatore in doppia cifra in tutto il primo tempo. La Gema controlla i rimbalzi (9 in attacco) ma sbaglia molto da sotto, gioca sulle punte senza affondare il colpo, soffrendo a tratti la fisicità della difesa campana. Gli uno contro uno di Di Pizzo spalle a canestro non fanno male (1/6), Passoni non punge in attacco, il 31% al tiro dopo i primi due quarti parla da solo, e fa pensare come Montecatini debba cambiare marcia nella ripresa se vuole vincere una partita che si è fatta complicata.
E la marcia superiore arriva nel cuore del terzo quarto, il motore della Gema adesso spinge al massimo e per Salerno la partita si fa durissima. Il parziale di 16-2 che decide la partita porta la firma di Mazzantini e Pirani, che convertono in punti preziosi il buon lavoro della difesa. La Gema adesso difende meglio, tira meglio, gioca con meno timore reverenziale. E coach Del Re può scegliere dalla panchina senza avere le rotazioni limitate, schierando quintetti di vario tonnellaggio e che portano il dominio ai rimbalzi (40-27), più recuperi ed una migliore gestione della palla.
Neppure la sospensione forzata decisa dagli arbitri a 5 minuti dalla fine, per un principio di incendio ad cassonetto esterno al palazzetto che ha portato fumo all’interno dell’impianto, spezza il ritmo della Gema. Anzi, alla ripresa del gioco ormai i buoi sono scappati dalla stalla, Acunzo e Kekovic cercano di arricchire il bottino ma non è sufficiente per impedire la vittoria termale, sostanzialmente meritata per l’energia e l’intensità messe in campo specialmente nella ripresa. «Siamo in un periodo non facile – ha commentato Del Re a fine gara – con più sconfitte che vittorie, ma sono vittorie come queste che ci danno energia per affrontare al meglio le prossime partite. Sono contento del rientro di Angelucci, la strada per il recupero è lunga, nella ripresa ho visto la squadra che vorrei sempre vedere, stiamo meglio fisicamente e possiamo solo crescere». E mercoledì a Livorno la Gema troverà a Livorno un ambiente caldissimo, per una Libertas reduce da una inaspettata sconfitta a Rieti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative