Il Tirreno

Montecatini

Sanità

Pescia, posti letto tagliati all’ospedale: «Ma la chirurgia sarà operativa»

di Luca Signorini
Pescia, posti letto tagliati all’ospedale: «Ma la chirurgia sarà operativa»

L’Asl sulla riorganizzazione estiva: l’area medica è invariata

28 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PESCIA. Taglio di una quarantina di posti letto da giugno a settembre all’ospedale della Valdinievole. L’Asl Toscana Centro spiega: «Quella di quest'anno è una riorganizzazione dei posti letto in favore di una maggiore disponibilità di quelli di area medica per garantire, nel periodo estivo, il ricovero principalmente ai pazienti anziani e ai cronici». «Nello specifico saranno sospesi i 22 posti letto chirurgici del setting D concentrando i ricoveri nel setting chirurgico F (chirurgia d’urgenza), che consta di 20 posti letto, e nei 9 letti di day surgery (setting E); pertanto resteranno sempre attivi 29 posti letto», viene sottolineato.

Il taglio dei posti letto dunque ci sarà - come avevano denunciato il comitato Ri-nascere in Valdinievole e la Funzione pubblica della Cgil - ma secondo l’azienda sanitaria tutto questo ha una sua logica. «Perché è proprio nell'ambito medico che emerge la necessità di lasciare invariato il numero dei posti letto, anche in ragione dell'aumento del numero di accessi provenienti dal pronto soccorso – va avanti l’Asl – a differenza degli anni scorsi, dunque, i setting di area medica resteranno sempre e completamente operativi proprio per accogliere quei pazienti che, risentendo delle alte temperature estive, spesso si scompensano, andando incontro a episodi clinici acuti. La riorganizzazione interessa invece l'area chirurgica dove nulla cambierà per i pazienti, ai quali continueranno ad essere garantiti gli interventi, fatta eccezione della diversa collocazione nel setting di ricovero».

L’azienda evidenzia inoltre che «non verrà interrotta l'attività chirurgica: oltre a quella urgente è garantita principalmente quella oncologica (di chirurgia generale e ginecologica), urologica, ortopedica e oculistica». E dunque si specifica che «tale organizzazione nell'ospedale della Valdinievole analogamente a quanto avverrà negli altri presidi ospedalieri dell'azienda Asl Centro, non andrà ad erodere la pianificazione dell'attività chirurgica: le sedute operatorie verranno tutte recuperate nei tempi previsti dalla patologia».

Il nuovo assetto estivo del Cosma e Damiano si spiega «per consentire al personale la fruizione del diritto delle ferie estive, programmate e obbligatorie». Il problema dunque riguarda le croniche ristrettezze sul numero del personale in servizio, medici, infermieri e operatori socio sanitari.

Si legge ancora: «La riorganizzazione dei posti letto all'interno del presidio ospedaliero della Valdinievole sarà diversa rispetto agli anni precedenti (nel 2023 dal 10 giugno al 20 settembre, erano stati sospesi 10 posti letto nel setting D chirurgico e 10 posti letto medici e, come ogni anno, la day surgery era stata sospesa nelle tre settimane centrali di agosto) a garanzia dell'attività di ricovero in medicina».

L’Asl si difende e la Cgil attacca. «Si tratta di un ridimensionamento senza precedenti e in netta controtendenza rispetto alle altre zone dell’Asl Centro dove tendenzialmente rispetto agli anni precedenti, nel periodo estivo, si offriranno maggiori servizi», aveva scritto il sindacato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La tragedia

Infermiera trovata morta in casa a Firenze: sospetto omicidio. Chi è la vittima

di Matteo Leoni