Il Tirreno

Montecatini

Scuola

Montecatini, altre cinque classi dello scientifico al Settembrini. La soluzione con la succursale

Montecatini, altre cinque classi dello scientifico al Settembrini. La soluzione con la succursale

Da gennaio il trasloco sull’intero primo piano preso in affitto

24 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





MONTECATINI. Il liceo scientifico Salutati ha finalmente una succursale - almeno fino al prossimo giugno - che servirà a rispondere all’attuale problema del sovraffollamento nella sede storica di viale Marconi, con spazi non più sufficienti per i circa mille iscritti dell’istituto superiore.

Dopo mesi (fin da settembre) di valutazioni e trattative, la Provincia di Pistoia ha trovato la collocazione idonea per gli studenti di cinque classi, che finora facevano lezione in locali ricavati per quanto possibile all’interno dei laboratori, nella stanza dei professori e anche in palestra.

Si tratta dell’edificio ex Settembrini di corso Matteotti, non lontano dalla stazione ferroviaria di piazza Italia, alle spalle del distributore di carburante a marchio Esso e dall’altro lato della strada del concessionario di auto sportive Spinetti.

Per la verità, questo stabile è già ben conosciuto dal liceo, perché da tre anni due classi sono sistemate al piano terra (e ci resteranno fino al 2027, quando scade il contratto in essere). A gennaio, al rientro dalle vacanze natalizie, se ne aggiungeranno altre cinque, che saranno collocate in tutto il primo piano della struttura, che la Provincia ha preso in affitto dalla società proprietaria Gbf srl, per un canone di 10mila euro dal primo gennaio fino al 15 giugno del 2024 (comprensivo di utenze, condominio, imposte e tasse).

È comunque una soluzione tampone e temporanea, non certo quella definitiva: il primo piano dell’ex Settembrini sarà infatti venduto a privati e dunque il Salutati dal prossimo settembre dovrà trovarsi una ulteriore soluzione alternativa. Perché resta la carenza di spazi nella sede di viale Marconi.

In questi mesi le ipotesi circolate dove allestire le classi per un periodo più prolungato sono state diverse. Quella più accreditata sembrava trasferire un certo numero di alunni al primo piano dell’oratorio Murialdo di via Marruota, nel complesso della parrocchia del Corpus Domini, in piena zona sud. Poi era emersa la soluzione di alcune stanze all’interno del palazzo del turismo, la “rotonda” di viale Verdi, già destinata a funzioni didattiche nel periodo del coronavirus e dunque idonea per tornare ad ospitare banchi e cattedre senza troppi interventi di allestimento.

Alla fine, l’ente di piazza San Leone e la dirigenza del liceo termale hanno optato per la scelta più veloce, anche se provvisoria: la struttura al numero civico 200 di corso Matteotti è infatti pronta subito (è da sistemare qualche finitura interna, ma poca cosa) proprio perché nel recente passato ospitava una scuola privata, la Settembrini appunto.

Dunque arriva una soluzione per la carenza di spazi del Salutati, questione sollevata dal Tirreno già a settembre, dopo vari appelli pubblici anche da parte della nuova preside Simona Selene Scatizzi e i tentennamenti da parte della Provincia, in difficoltà a far coincidere le richieste della comunità scolastica con le esigenze del magro bilancio. Tutto è bene quello che finisce bene, comunque, anche se dall’estate il problema si ripresenterà.  l

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative