montecatini
cronaca

Il Covid fa slittare l’inaugurazione delle Panteraie a San Valentino

È tutto pronto per la riapertura ma le norme anti-pandemia impongono la chiusura delle discoteche fino al 31 gennaio


10 giugno 2022 Simona Peselli



MONTECATINI. La pandemia rimanda l’inaugurazione delle nuove Panteraie. «È stata bloccata dalle restrizioni Covid l’apertura delle Panteraie – conferma il geometra Massimo Boni, uno dei responsabili del progetto –. Fino al 31 gennaio per ora sono bloccate tutte le attività di discoteca. Volendo fare un’inaugurazione con il “botto”, la proprietà ha deciso di rimandare l’apertura a metà febbraio. Stiamo pensando alla data di San Valentino».

Una data “molto probabile” quindi esiste. «La proprietà, nel caso in cui dovessero prolungarsi le restrizioni Covid – chiosa Boni – aprirà comunque per quella data il ristorante con il centro benessere, e a seguire la piscina riscaldata».

I lavori di ristrutturazione sono praticamente ultimati e quindi l’attività è di fatto pronta. Uno degli obbiettivi principali è quello di poter avere l’acqua termale nella piscina del Lidò. « È stata una corsa contro il tempo, ma grazie all’impegno di tutti coloro che hanno lavorato per questo bellissimo progetto ce l’abbiamo fatta – aggiunge Boni – manca soltanto il via libera da parte della società Terme di Montecatini per dotare la piscina di acqua termale e per la concessione in uso del percorso salute posto vicino alle Panteraie. Così il progetto sarà completato con l’idea iniziale di offrire alla città, in attesa del rilancio di tutto il comparto termale, quei servizi che a Montecatini non possono mancare. Primo fra tutti una piscina termale, nell’attesa delle nuove piscine alle Terme Leopoldine».

Tutti i lavori di ristrutturazione, sia interni che esterni, sono stati completati con un nuovo look ispirato ai tempi attuali, alle esigenze e alle tecnologie moderne. Tutto immerso in un ampio spazio esterno a verde con essenze, piante mediterranee, tropicali e fiori rari. «Il tutto ispirato al giardino che in origine fu progettato dal famoso architetto Pietro Porcinai – afferma Boni –. Sono state estirpate e tagliate tutte le piante pericolanti e sfrondati i rami secchi. Abbiamo provveduto a piantare oltre mille alberi di tipo autoctono e abbiamo effettuato le dovute cure e fatto le opportune potature ad altrettante piante. Abbiamo ristrutturato tutta la viabilità interna dotando la struttura anche di un ampio parcheggio per oltre mille posti auto».

Tanta attenzione anche per il comparto della ristorazione. «Resta da completare una piccola parte degli arredi della zona cucina nella parte della pizzeria e sushi – dice il geometra –. Nel frattempo gli chef stellati della nostra brigata sono già al lavoro per preparare piatti esclusivi per un servizio di ristorazione di alto livello. La zona discoteca è stata completamente rinnovata con impianti ed effetti speciali di ultima generazione ».

La musica come attrazione per i clienti. Saranno chiamati ad animare le serate disco, dee jay nazionali e internazionali. È pronta anche la spa con novità e trattamenti unici che saranno il punto di forza delle nuove Panteraie. Una scommessa vinta e un progetto curato nei minimi dettagli grazie ai gemelli Massimo e Alessandro Calugi, cretaori del bello non solo nel settore della moda, ma anche nelle attività ludiche e di ristorazione. «Con un investimento direi più che importante – conclude Boni –. Abbiamo preso un locale completamente distrutto e abbandonato e lo abbiamo riportato alla luce».

Un progetto al quale con il geometra Boni hanno partecipato un team di professionisti, come l’architetto Conti, l’ingegner Lotti oltre a designer e arredatori del settore. «Stiamo preparando una speciale inaugurazione con ospiti prestigiosi – conclude Boni –. Ripartiamo con Montecatini dal Lidò delle Panteraie».
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.