Il Tirreno

Montecatini

il futuro della città 

Terme spa, la Regione chiede un’assemblea straordinaria

Simona Peselli
Terme spa, la Regione chiede un’assemblea straordinaria

Ieri l’incontro per fissare la strategia per evitare il fallimento della società Baroncini: «Lo strumento per risolvere la crisi va concertato fra i due soci»

30 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Simona Peselli

Montecatini. Dialogo fra i soci ieri nell'assemblea per trovare una soluzione positiva per la situazione della società proprietaria delle Terme di Montecatini. Obiettivo principale è quello di evitare in ogni modo l 'epilogo della liquidazione.

Nell'attesa dell'assemblea straordinaria ormai destinata a svolgersi il prossimo anno, c'è l 'impressione di una volontà dei soci – Comune e Regione Toscana – di trovare una soluzione costruttiva per salvare Terme di Montecatini spa dal fallimento.

Anche le parole dell'assessore regionale Stefano Ciuoffo lasciano un timido spiraglio di ottimismo. «Nel confronto svoltosi oggi (ieri, ndr) ho chiesto all’amministratore unico Alessandro Michelotti la convocazione di un’assemblea straordinaria, come stabilito dal mandato conferitomi dalla giunta e dal consiglio regionale con la recente approvazione del Documento economico e finanziario regionale (Defr, il bilancio regionale, ndr) e del Piano delle razionalizzazioni ad esso allegato», ha spiegato l 'assessore alle partecipate Stefano Ciuoffo.

C'era molta tensione in città per questo incontro che arrivava dopo il concitato consiglio comunale in cui la minoranza aveva chiesto le dimissioni del sindaco Luca Baroncini, accusato di aver mentito per non aver rivelato che nei documenti che erano stati presentati da InTax, la società con sede a Londra e amministrata dal commercialista pistoiese Stefano Fabbri, mancava l'assegno di centomila euro come caparra. Ma la votazione per il primo cittadino si era rivelata alla fine una riconferma alla giunta Baroncini.

Un momento delicatissimo per il futuro della cittadina termale, tutto condensato in quelle che saranno le decisioni finali delle prossime settimane «In tale consesso – chiosa Ciuoffo– i soci dovranno assumere le determinazioni necessarie per il governo della delicata situazione societaria. A tal fine Regione e Comune hanno richiesto all’amministratore unico Alessandro Michelotti di fornire nella prossima assemblea la documentazione aggiornata sullo stato economico, finanziario e patrimoniale della società».

Alle parole dell’assessore Ciuoffo, dal palazzo comunale di viale Verdi fa eco il primo cittadino. «All'odierna assemblea abbiamo condiviso la necessità di adozione da parte della società di uno strumento di risoluzione della crisi – afferma Luca Baroncini – che sia concertato tra i due soci. Tutto in ottemperanza alle esigenze della città per questo abbiamo dato mandato all'amministratore unico di acquisire tutte le necessarie informazioni. E' necessario affinché possano essere assunte le determinazioni più ponderate e decidere così lo strumento più idoneo al nostro caso».

Adesso non resta che aspettare. Inizia l'ennesimo conto alla rovescia in attesa che venga convocata la nuova assemblea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il caso

Livorno, evade dal carcere delle Sughere: chi è e come è riuscito a scappare

di Stefano Taglione