Il Tirreno

Montecatini

Tante scarpe nuove per i bimbi afghani La solidarietà in Valdinievole è contagiosa

Simona Peselli ; ALTRO SERVIZIO A PAG. 5

I volontari della Protezione civile stanno raccogliendo di tutto: servono soprattutto assorbenti, lamette, quaderni e giocattoli

29 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Simona Peselli

MONTECATINI. La solidarietà in Valdinievole arriva in forma anonima e silenziosa. Ieri sono arrivate le scarpe e tutte nuove per i bambini afghani . «Un negozio di articoli sportivi della provincia di Pistoia ha donato trenta paia di calzature sportive da bambino - spiega Francesco Bentivegna, volontario Prociv –. Mi hanno chiamato per sapere i numeri. Ci sono marche conosciute e costose. Anche alla moda. Il titolare vuole restare anonimo. Invece di venderle e guadagnare preferisce darle gratuitamente ai bambini afghani. Gli fa piacere aiutare persone che hanno bisogno» .

I volontari lavorano giorno e notte per gestire l'emergenza profughi. Ieri sera stavano raccogliendo shampoo e bagnoschiuma, spazzolini da denti e dentifrici, ma non solo. Chiamate, telefonate continue per aggiornamenti anche sullo stato di salute dei profughi arrivano da tutta la città. La piccola principessa della fotografia che ha girato tutti i social sta bene. Ha quattro anni ed è in albergo insieme alla mamma, al papà che la teneva per mano e ai suoi fratellini. Sono scappati da Kabul in nove persone dello stesso nucleo famigliare. Come bagaglio soltanto uno zaino che il padre aveva sulle spalle. La piccola è arrivata con il vestito da principessa e sembrava pronta per una festa. Adesso gioca tranquilla con le sorelline e i fratelli più grandi. Ha chiesto una bambola e i fratelli delle macchinine. Tutti i loro giocattoli sono rimasti in Afghanistan. In albergo per loro sono già arrivati libri da colorare, matite e quaderni. Anche vestiti nuovi e scarpe per tutti.

Giulia Fiori, presidente della Liv non si ferma un attimo. Continua a raccogliere e ad organizzare la distribuzione nei tre alberghi montecatinesi che stanno ospitando i profughi. « Sono aumentate le richieste per i pannolini per i bimbi – dice Giulia Fiori - ma anche assorbenti per le donne. I rifugiati sono molto in ansia per le famiglie rimaste a Kabul. Qui a Montecatini non hanno nessuno per cui per loro andare via o rimanere è la stessa cosa. Proprio oggi ci hanno recapitato 500 assorbenti e slip che una mia amica di Pistoia che si chiama Monica ha voluto acquistare». La solidarietà della Valdinievole come era accaduto durante la pandemia è grande e generosa. Tutti si mettono a disposizione come possono. «Sono tante le ragazze e i ragazzi della Valdinievole che si stanno offrendo come interpreti – continua Giulia – e questo fa onore alla nostra zona».

Intanto con urgenza occorre intimo nuovo, ancora assorbenti, cuffie per capelli, schiuma da barba e lamette, caricatori Samsung nuovo e vecchio modello , giocattoli, quaderni, colori e album per i bambini. E libri in inglese. Non servono più vestiti. Il materiale deve essere consegnato alla sede della Prociv Arci di Chiesina Uzzanese via della Lama 35 B.

ALTRO SERVIZIO A PAG. 5

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
L’indiscrezione

«Troppa frociaggine nei seminari»: la frase choc di Papa Francesco