Il Tirreno

Calcio

Massese, parla Cornacchia: «La responsabilità è di tutti»

di Alessandro Tabarrani
Nicola Cornacchia in azione
Nicola Cornacchia in azione

«Assurdo prendersela con Del Nero. Mi piacerebbe restare»

15 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





MASSA. «Se la stagione è andata male la colpa è di tutti». Nicola Cornacchia, centrocampista e uno dei migliori elementi presenti nella rosa della Massese 2023 - 2024, analizza un campionato assai tribolato per la prima squadra cittadina che non ha raggiunto gli obiettivi palesati l’estate scorsa.

Cornacchia fa parte certamente di quel gruppo di giocatori che si sono “salvati” dal grigiore, un elemento che, per quanto dimostrato, ha potenzialità da categoria superiore. «Personalmente - afferma Nicola - ho sempre provato a dare il massimo in ogni situazione. La Massese da tanti anni sta soffrendo per i risultati negativi, noi avevamo provato a riportare entusiasmo e c’eravamo riusciti centrando un filotto importante di partite che ci avevano portato a recuperare tanti punti ritrovandoci tra le prime. Poi però ci siamo affievoliti come una candela, e non siamo riusciti più a riprenderci».

Le difficoltà incontrate in stagione sono dimostrate dal cambio di tre allenatori. «Quando si cambiano tre allenatori non è semplice e, inevitabilmente, destabilizza. Detto questo però, tutti gli allenatori ci hanno lasciato qualcosa - ha ribadito il centrocampista bianconero -. Quando è arrivato Del Nero, il mister è stato capace di darci un’impronta che ci ha permesso di prendere un bel volo; purtroppo però alla fine ci siamo spenti e non abbiamo saputo reagire alle prime difficoltà che un po’ hanno ripercorso i problemi affrontati all’inizio della stagione. Non si deve comunque buttare quanto è stato fatto di buono, ed è sbagliato prendersela solo con mister Del Nero perché aveva rilasciato una intervista dove aveva detto che se non fosse riuscito a portare la squadra ai play - off avrebbe strappato il patentino. Quella intervista l’aveva rilasciata perché credeva in noi e ci ha sempre protetto prendendosi puntualmente le responsabilità di tutto. Non siamo riusciti alla fine a centrare l’obiettivo, ma non esiste prendersela solo con Del Nero, le colpe per come sono andate le cose le hanno tutti, nessuno escluso; poi, per carità, le critiche ci stanno come in ogni ambiente».

Con il centrocampista zebrato abbiamo anche affrontato l’immediato futuro. «Mi piacerebbe restare - ha concluso Cornacchia -, mi sono trovato bene e poi sono vicino a casa. Vedremo, la mia disponibilità a restare c’è tutta».

 

Le ultime
Pianeta scuola e università

Ferrari, Don Abbondio e colesterolo: cosa c’è nel test di Medicina e quando usciranno i risultati