Il Tirreno

Massese, una vittoria doc è tutta la squadra che gira

di Aldo Antola
Massese, una vittoria doc è tutta la squadra che gira

Bisogna crederci, anche il pubblico sta crescendo

13 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





MASSA. Se la Massese avesse vinto a Camaiore adesso sarebbe non solo in zona playoff ma addirittura al terzo posto a soli 5 punti dalla vetta, dalla promozione diretta! Ed invece bisogna ricominciare. Anche se la vittoria di domenica a Pontebuggianese ha di nuovo ricaricato la squadra e la piazza! Crediamoci! Anche il pubblico nelle ultime settimane ha cominciato a comprendere l'importanza del momento tanto da aumentare la sua presenza allo stadio Degli Olveti. Dunque andiamo avanti. Col Pontebuggianese la squadra ha vinto per uno a zero con una rete fotocopia di quella che aveva fatto vincere la squadra con la stessa avversaria a Pontremoli: calcio da fermo ed inzuccata vincente di un difensore, questa volta Zavatto, a Pontremoli Terigi.

Questo significa anche che la squadra può arrivare a vincere anche quando non trova la rete Buffa, che però anche domenica è andato vicino diverse volte alla segnatura. Ma ora non bisogna più fare passi falsi. La prossima gara casalinga col Fucecchio e poi trasferta con la Pro Livorno, due buone squadre appaiate a metà classifica. Domenica mancava Terigi, ammalato ma nelle prossime gare dovrebbe recuperare. Insomma al momento dobbiamo andare avanti così, ci sono assenze, rientri e a volte defezioni improvvise dell'ultima ora. Importante è che il nucleo della squadra sia granitico.

Due parole in più le meritano in questo momento, oltre al solito Buffa che anche domenica ha sfiorato la segnatura, le meritano ragazzi come Del Pecchia, Bertonelli, Marchini, Andrei e Fortunati che sempre silenziosamente si fanno trovare disponibili a cambiare ruolo, ma soprattutto la meritano il portiere Paci e Cornacchia che non perdono un colpo, hanno un rendimento continuo. Paci ha dimostrato continuità e sicurezza e ottime parate specialmente nei tiri al “sette” provenienti da fuori area, zone dove non tutti i portieri ci arrivano e poi chiude bene anche gli avversari che gli si presentano soli davanti, come ieri.

Cornacchia non segna molto, ma ci prova spesso anche da lontano ed i portieri devono sempre stare in tensione, non possono stare tranquilli perchè spesso non si aspettano il tiro, e poi Cornacchia con i suoi lanci, cross e calci d'angolo offre assist importanti, come a Ponte. Brizzi poi è commovente con la sua età a fare da faro ai vari reparti della squadra. Speriamo che presto rientri anche Vignali, con Maggiari, ed avere un’arma in più. Ci sono ancora in palio 27 punti per nove partite.

 

Primo piano
La tragedia

Livorno, muore a 51 anni schiacciata con lo scooter fra due auto: chi è la vittima e la dinamica

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative