Il Tirreno

Nel dettaglio

Massa, guerra ai parcheggi selvaggi e all’abbandono di rifiuti: il piano per la zone montane

di Ivan Zambelli
Le auto posteggiate a Guadine a bordo della strada e di fianco il comandante della polizia municipale Vitali
Le auto posteggiate a Guadine a bordo della strada e di fianco il comandante della polizia municipale Vitali

La municipale annuncia la stretta per chi non rispetta le regole

27 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





MASSA. Novità in arrivo per l’estate: controlli a Marina di Massa con una maggiore presenza di agenti della Polizia Municipale, specie nelle ore notturne, ma anche in montagna. In particolare sul versante di Guadine e a salire lungo il fiume, dove spesso durante i mesi di luglio e agosto si assiste a fenomeni di parcheggi selvaggi ma in strade particolarmente strette.
Il comandante
Per questo, fa sapere il comandante della Polizia Municipale Giuliano Vitali, sta per partire un progetto per capire come intervenire, così da contemperare le due situazioni: chi vuole andare al fiume, ma anche chi abita in quelle zone e non vuol rischiare di vedersi bloccare il transito da un auto parcheggiata male. Insomma l’obiettivo è garantire una maggiore presenza degli agenti nelle aree montane, soggette anche a ripetuti abbandoni di rifiuti. E poi c’è tutta l’attività, per così dire, “ordinaria”, con l’arrivo della bella stagione.

Il piano
Come racconta Vitali, «già da aprile è iniziato il programma serale e notturno di pattugliamento del territorio. Questo è volto a incrementare la presenza della Polizia Municipale in orari normalmente non coperti. Cioè dalle 19 ordinarie ma anche fino alle 3 o le 4 di notte, laddove ci sono operazioni legate a movida, eventi. L’obiettivo è presidiare maggiormente il territorio, stando più presenti alle manifestazioni in programma, così da tutelare la quiete e il riposo delle persone. Per adesso solo il venerdì e il sabato, ma con l’estate poi le uscite aumenteranno». A livello di dotazione del personale, Vitali fa sapere che in virtù del turnover che c’è stato (e che ha riguardato 4 persone tra pensionamenti e trasferimenti) l’amministrazione comunale sta preparando un piano assunzioni per il 2024, per coprire almeno questi posti. «Ma non avremo problemi di sorta», dice Vitali. A maggio, poi, tornerà il distaccamento della polizia municipale a Villa Cuturi. Si tratta di uno sportello informativo ma anche a supporto di cittadini e turisti, a cui verrà assegnata una squadra di agenti. «Prima sarà aperto tre o quattro giorni a settimana, e poi con l’estate tutti i giorni. Questo sarà abbinato alla presenza di due o tre turni, che coinvolgeranno una decina di agenti in piedi e in bici, su tutta la costa. È un investimento importante, perché consente di monitorare tutto il lungomare, dai campeggi ai Ronchi». Ma come già si diceva, la novità per l’estate 2024 riguarda la zona montana. Come anticipa il comandante, «stiamo valutando come mitigare le problematiche che da anni le persone che abitano a monte hanno nel transito lungo il fiume. In particolare Guadine e Resceto, che specie a luglio ed agosto diventano una meta privilegiata per andare a trovare del refrigerio». Ma il tutto parcheggiando in strade molto strette.

«Vogliamo cercare di mitigare i problemi legati al transito e la sosta tenendo conto della morfologia delle strade, salvaguardando le persone che ci abitano. Bisogna fare tutti un passo in avanti, per migliorare la zona. Adesso abbiamo iniziato questo progetto, ma dobbiamo ancora definire le varie situazioni». Sicuramente, «l’intenzione è di aumentare l’attenzione alla zona di Guadine, anche attraverso il coinvolgimento dei residenti».
 

Primo piano
La tragedia

Argentario, neonato morto su una nave crociera: fermata la mamma, è accusata di omicidio