Il Tirreno

Il lutto

Marina di Carrara, addio allo storico macellaio Ferdinando Zeni: la sua "ciccia" la più amata dai turisti

di Alessandra Vivoli
Marina di Carrara, addio allo storico macellaio Ferdinando Zeni: la sua "ciccia" la più amata dai turisti

Una vita in bottega, stroncato da un malore a 79 anni

27 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





CARRARA. La vita dietro il banco della bottega, le storiche macellerie Zeni, in via Maggiani, che gestiva con la sorellanel cuore di Marina di Carrara.

E la morte, improvvisa, ieri mattina presto, proprio quando stava alzandosi per andare al lavoro, come tutti i giorni, tranne la breve parentesi delle feste trascorse in famiglia.

Se ne è andato stroncato da un malore, a 79 anni, Ferdinando Maggiani, uno dei commercianti più conosciuti non solo nel territorio apuano, ma anche fuori provincia.

La sua “ciccia”, come chiamava i tagli di carne più pregiati, la apprezzavano anche i turisti che popolavano la riviera apuana e che, generazione dopo generazione hanno continuato ad essere clienti della macelleria Zeni.

Un rapporto che è andatoben oltre quello che si crea fra negoziante e cliente, sempre all’insegna della fiducia e della qualitò. Lui, Ferdinando, Nando per gli amici, era sempre pronto a consigliare la giusta ricetta ai suoi affezionati clienti che arrivavano da tutta Italia e non solo per acquistare l' eccellenza della carne. Aveva conservato la formula della vecchia bottega, contatto diretto con i clienti ormai diventati amici.

Con Ferdinando Zeni se ne va una figura storica del commercio marinello, uno storico macellaio che ha fatto della passione per il suo mestiere una delle sue ragioni di vita. Fino alla fine. Ieri mattina I sanitari hanno fatto di tutto per rianimarlo inutilmente.

Lascia nel dolore e nello sgomento per questa repentina e improvvisa morte parenti, amici e clienti.

I funerali di Ferdinando Zeni si svolgeranno oggi alle 15 e 30 nella parrocchia di Maria Mediatrice.l


 

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport