Il lutto

L’addio a Ruggero Diamante, personaggio amato della città: «Sapevi vivere con nulla»


	Un’immagine di Ruggero Diamante, per tutti Ruggè
Un’immagine di Ruggero Diamante, per tutti Ruggè

Carrara: aveva viaggiato in India e per il mondo, inconfondibile nel suo look

31 agosto 2023
2 MINUTI DI LETTURA





CARRARA. Un malore fatale nella notte, quasi certamente un infarto. Così se n’è andato a 72 anni Ruggero Diamante, per tutti semplicemente Ruggè, una figura caratteristica e un po’ mitica del centro storico. 

Originario come la famiglia di Noto in Sicilia, era arrivato in città da bambino e aveva sempre vissuto alle case popolari di Grazzano. Da giovanissimo aveva lavorato nel settore del marmo, in uno studio artigiano poi, maggiorenne, era andato in India per un periodo di circa tre anni (siamo alla fine degli Anni 60, non era raro un viaggio avventuroso in India). Qualcuno ricorda anche che era presentato tra i contestatori del Capodanno del 31 dicembre 68 alla Bussola di Focette.

Ruggero Diamante lascia la sorella Loredana e il fratello Vittorio; un altro fratello, Roberto, era morto 8 anni fa. In tantissimi sui social lo ricordano, e lo rimpiangono. Rimpiangono il suo essere libero, senza schemi; amava viaggiare e finché ha potuto, in autostop o con mezzi di fortuna, ha raggiunto posti esotici, dall’Afghanistan al Marocco, dall’Olanda alla Bielorussia, per il gusto di viaggiare. Inconfondibile per la barba e l’abbigliamento d’altri tempi, da hyppy, come lo ricorda e definisce l’amico Massimo Bonucelli che, aggiunge, «Sapevi vivere con nulla, mi hai fatto capire tante cose, per prima la bontà, sei stato un vero hippy».

Aggiunge Renzo Cantarelli: «Ti ho conosciuto alla fine degli anni 70. Parlare con te e ascoltare i tuoi racconti era sempre un arricchimento di emozioni e di storia. Hai vissuto come desideravi, senza padroni e chi ti ha conosciuto come me sa bene quanto fossi una persona pura e semplice e per questo vera come pochi. Ruggero nessuno di noi ti dimenticherà mai. Buon viaggio Zappa e a rivederci un giorno da qualche parte». Cordoglio dal Gramsci Caffè: «Mi raccomando continua a cantare da lassù Vecchia Roma ma sappi che ci mancherai immensamente».

Primo piano
La tragedia

Orbetello, muore in campeggio soffocato da un boccone di carne: la vittima è un geometra