Il Tirreno

Il sistema-mare

Balneari, pressing su Roma: oggi l’incontro al CarraraFiere

di Giovanna Mezzana
Balneari, pressing su Roma: oggi l’incontro al CarraraFiere

Attesi i due vicepresidenti del Senato. Gasparri e Centinaio interverranno al convegno Onda d’urto. Si parlerà del rinnovo delle concessioni demaniali alla luce anche dei solleciti di Mattarella

27 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





MARINA DI CARRARA. Dalla costa apuana a quella maremmana i balneari toscani (e non solo) restano in attesa: occhi e orecchie degli operatori del mare sono (rispettivamente) puntati e tesi sul convegno che questa mattina si svolgerà al complesso fieristico di Marina in seno a Tirreno Ct e Balnearia, le fiere che procedono in tandem, dedicate – rispettivamente – a chi chiede pane al turismo tramite ospitalità e ristorazione (la prima) e alle spiagge (la seconda). Al CarraraFiere sono attesi per stamani i due vicepresidenti del Senato, l’azzurro Maurizio Gasparri e il leghista Gianmarco Centinaio; entrambi interverranno a “Onda d’urto balneari in mobilitazione”, a cura di Assobalneari Confindustria e la base balneare di Donne Damare. Il titolo dell’appuntamento esplicita – bene – il tema del dibattito: ovvero, quelle che (impropriamente) sono state battezzate le “aste degli stabilimenti balneari”. Potrebbe essere questa, insomma, l’occasione per confronti politici e tecnici e per affrontare temi come quello della mappatura delle concessioni italiane e gli scenari che si sono aperti dopo alcune sentenze dei Tribunali amministrativi regionali. E tutto ciò alla luce anche della riserva espressa dal capo dello Stato Sergio Mattarella sulla proroga di un anno alle concessioni demaniali balneari; il presidente della Repubblica ne ha evidenziato l’incompatibilità col diritto europeo nella lettera – ai presidenti del Consigli, Senato e Camera – che accompagna la promulgazione della legge di conversione del decreto Milleproroghe.

Dopo l’inaugurazione di ieri della fiera nella fiera – il nastro è stato tagliato dalla sindaca Serena Arrighi e dal presidente della regione Toscana Eugenio Giani – la giornata di oggi sarà dedicata proprio al futuro del settore balneare: oltre al convegno di Asso balneari Confindustria e la base balneare di Donne Damare, anche Confimprese Demaniali e Cna Balneari hanno organizzato – rispettivamente – un convegno e l’assemblea nazionale dove sarà aperto il confronto su come evitare l’applicazione della direttiva Bolkestein, lavorando ai tavoli con il governo.

«Mi auguro – ha detto la sindaca Serena Arrighi ieri al CarraraFiere – che si possa trovare una soluzione che possa tutelare tutti quei balneari che negli anni hanno fatto investimenti». La speranza della sindaca è anche quella di non vedere gli stabilimenti balneari finire in mano a multinazionali, dice. Non solo: ha rammentato anche il percorso che è stato intrapreso da Carrara per la proroga delle concessioni delle cave: «Credo che da questo nostro esempio, particolare e caratteristico del nostro territorio – ha concluso – qualcosa si possa davvero ricavare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Il caso

Livorno, cadavere senza testa trovato in un dirupo: giallo alla Valle Benedetta

di Claudia Guarino