Il Tirreno

l’appello 

Sos da Codupino: «Strade con radici sporgenti e sempre più pericolose»

Aldo Antola
Sos da Codupino: «Strade con radici sporgenti e sempre più pericolose»

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Massa. L’ennesima caduta di una signora in bicicletta su quel tratto di Aurelia, ha riportato al centro dell’attenzione degli abitanti di Codupino, ma anche di tutti quelli che attraversano la zona, lo stato del manto stradale che ormai sta peggiorando di giorno in giorno.

Da Codupino, il quartiere di Massa al confine con Carrara, sono arrivate tante segnalazioni di pericolo con foto e commenti. I commenti, che portano le firme di Andrea Alibani, Giorgio Pucci, Mario Biagi e Michela Galleni, tanto per citare le ultime, fanno trasparire grande preoccupazione perché l’ultima caduta è soltanto un piccolo segnale di incidenti molto più grandi e gravi che potrebbero accadere.

«I marciapiedi sono diventati impercorribili sul vero senso della parola perché sollevati dalle radici – commentano – ma questo potrebbe essere il meno, il fatto è che è in critiche condizioni anche il manto stradale dove passano auto, moto e gli altri mezzi tanto che devono occupare il centro della carreggiata dell’Aurelia con i pericoli immaginabili. È vero che la situazione non è nuova e che avrebbero potuto pensarci anche le precedenti amministrazioni ma forse al tempo non avevano i soldi che ci sono ora, visto che stanno rifacendo tutte le piazze di Massa centro nuove».

E qui sorgono interrogativi. «Se ora ci sono i soldi, perché, prima di rifare piazze, alcune delle quali non avevano necessità di essere completamente rinnovate ma non vogliamo entrare nel merito, non si mette mano alla sicurezza delle strade, alla sicurezza dei cittadini, alla scorrevolezza e concretezza delle strade e dei quartieri. Qui a Codupino siamo davvero abbandonati, forse non ci considerano massesi come quelli del centro città. E quelle poche cose che vengono fatte hanno del ridicolo. Come quello dei cartelli di segnalazione pericolo radici sporgenti che hanno installato: li hanno messi dalla parte opposta, lato mare per chi viene da Carrara mentre le radici ed i pini sono lato monte per chi va da Massa verso Carrara, le radici sono tutte su quel lato».

Senza dimenticare che in questo tratto di Aurelia fuori dal circuito cittadino spesso gli amanti della velocità non rispettano i limiti, per cui al fondo irregolare del manto stradale si aggiunge il pericolo della velocità, e nel passato gli incidenti con gravi conseguenze sono già stati tantissimi.

Aldo Antola

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
di Matteo Scardigli

Corriere scomparso, ritrovato il cadavere durante il sopralluogo alla villetta ad Arcidosso. I misteri ancora da chiarire