Il Tirreno

Il progetto e il bando 

Addio ai camion dal litorale Spunta il parcheggio al Lavello

L.B.
Addio ai camion dal litorale Spunta il parcheggio al Lavello

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Carrara. Il progetto è di quelli importanti, come d’altronde testimoniano le cifre (oltre 1,2 milioni di euro). Un nuovo parcheggio pensato per i mezzi pesanti da destinare nell’area «di proprietà comunale lungo la strada provinciale Avenza Massa retrostante l’area Asi», in località Lavello. Come per l’omologo presentato dal Comune di Massa (il restyling nelle aree circostanti l’obelisco, per intenderci, come abbiamo scritto nei giorni scorsi) si tratta di un progetto pilota dei Patti territoriali, ovvero di quegli accordi che legano comuni, province, parti sociali e altri enti pubblici allo scopo di giungere a uno sviluppo locale. In questo caso i comuni e il Consorzio Zona industriale apuana hanno portato avanti un progetto per il riassetto di alcune parti del territorio provinciale, da presentare al ministero per lo sviluppo economico, che ha messo a disposizione un pacchetto di risorse economiche. Complessivamente un pacchetto, tra tutti gli interventi apuani presentati, da dieci milioni di euro, con un bando parallelo, ma all’interno di questa cifra, aperto ai privati. Tradotto: il progetto si trasformerà in cantieri solo dopo aver incassato l’ok da Roma. Tornando a quanto presentato dal Comune di Carrara l’idea è quella che dialoga «nella prospettiva della dismissione degli attuali parcheggi situati di fronte all’ingresso di levante del porto di Marina di Carrara». L’area scelta, d’altronde, per palazzo civico, fresco di approvazione dello studio di fattibilità del progetto, «riveste un particolare interesse strategico e logistico, in quanto baricentrica rispetto ai caselli autostradali di Carrara e di Massa, al porto di Marina di Carrara, all'ingresso della strada dei marmi e alle zone artigianali, manifatturiere limitrofe. Inoltre, la chiusura delle attuali aree di sosta in fronte al porto comporterebbe, di riflesso, un effettivo beneficio in termini di vivibilità e potrebbe essere il trampolino di lancio per la riqualificazione e sviluppo del tessuto urbano della fascia litoranea, con ricadute positive su tutta l’economia locale, oltre ad avere notevoli miglioramenti sulla circolazione stradale e sulla razionalizzazione degli spazi pubblici», confidano dal Municipio.

L.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il fenomeno

Boato sulla costa, l’ipotesi-bolide: i dati e la prima analisi su cosa ha spaventato mezza toscana

di Luca Centini