Il Tirreno

Lucca

Lucchese sfida con vista sui playoff, con la Vis Pesaro serve solo vincere

di Michele Masotti
Lucchese sfida con vista sui playoff, con la Vis Pesaro serve solo vincere

I rossoneri non conquistano i tre punti in trasferta da oltre sei mesi

28 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Chissà cosa avrebbero potuto produrre Gioacchino Rossini e Giacomo Puccini, i due più grandi compositori italiani, in vista della sfida che questa sera, fischio d'inizio alle 20,45, metterà di fronte Vis Pesaro e Lucchese, espressioni calcistiche delle loro città d’origine. La posta in palio al "Tonino Benelli" è molto alta: i biancorossi, distanziati di sette lunghezze dai rossoneri, vanno a caccia di punti per uscire dai playout mentre capitan Tiritiello e compagni cercano il bottino pieno in modo da alimentare la speranza di entrare nei playoff. Un compito, però, tutt'altro che agevole considerando la caratura dei ragazzi di Banchieri, un complesso sempre ostico da superare specialmente tra le mura amiche.

La palla al mister «La Vis Pesaro può contare su di un mix tra giocatori esperti e giovani- dice Giorgio Gorgone-. In attacco hanno a disposizione elementi strutturati fisicamente. Hanno bisogno di punti, ma lo stesso vale per noi: ci aspetta una battaglia. Dovremmo mettere in campo tanta attenzione, oltre alla nostra idea di gioco. In questa fase del campionato, però, nervi, agonismo e motivazioni sono gli aspetti trainanti». Contro i marchigiani, privi dello squalificato Gian Marco Neri (gemello del portiere Filippo) e degli infortunati De Vries (centrocampista americano), Castigliani (attaccante arrivato dalla Carrarese) e Fortin , il tecnico romano dovrà fare a meno dei due terzini sinistri a sua disposizione e probabilmente anche dell’esterno offensivo Disanto.

«Visconti e De Maria sono out. Fazzi, invece, è rientrato tra i convocati. Ho un dubbio legato a Disanto, alle prese con un affaticamento. Le condizioni di Fedato (ex di turno assieme ad Astrologo che giocherà dall’inizio)? Dopo l'operazione, avevamo aggregato in anticipo Francesco, professionista esemplare, perché aveva bisogno di sentire bene mentalmente, ma sul piano fisico era ancora indietro. Nell'ultima settimana però l'ho visto meglio». Sebbene il primo tempo contro il Cesena sia stato uno dei migliori disputati in quest'annata, Gorgone chiede ai suoi ragazzi un maggior pragmatismo.

«Dobbiamo ripartire dalla consapevolezza che sappiamo cosa possiamo fare. É necessario riconoscere pure i nostri limiti. Per questo motivo, bisogna affrontare le partite con umiltà e sacrificio, qualunque sia l'avversario che ci troviamo di fronte. Di certo, non riprendiamo il cammino dal Cesena visto il risultato. Gli avversari Torneranno a disposizione di Banchieri due elementi esperti quali il difensore centrale Denis Tonucci e la mezzala nigeriana ex Inter Joel Obi. Sia l’ex nerazzurro che l’esperto Valdifiori potrebbero partire dalla panchina in favore di un centrocampista di quantità come Rossetti. Davanti invece confermato Nicastro ex Pontedera che ha già segnato in passato ai rossoneri così come il trequartista Pucciarelli. L’arbitro A dirigere la contesa un direttore di gara decisamente esperto: Adolfo Baratta di Rossano Calabro. Un arbitro che porta decisamente bene alla Lucchese e decisamente male alla Vis Pesaro. Curiosamente arbitrò l'ultimo precedente tra le due compagini in terra marchigiana, datato 19 ottobre 2022, con gol vittoria segnato da Elia Visconti. Lucchese sempre vittoriosa anche nelle altre due occasioni (0-1 di Alessandria nello scorso torneo e l'1-2 di Savona in Serie nel 2019-20, la partita fondamentale in chiave promozione). La Vis Pesaro invece con il fischietto calabrese ha perduto al Benelli anche il 6 dicembre 2022: 2-0 con la Viterbese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: "Una crudele idiozia"

Lo studio

Comuni più ricchi d’Italia, una sorpresa in Toscana – La classifica completa e i dati per ogni regione