Il Tirreno

Lucca

Lucchese. Ecco dove sono gli ex

di Luca Tronchetti
Francisco Sartore, classe 1995, ex Lucchese oggi al Trapani
Francisco Sartore, classe 1995, ex Lucchese oggi al Trapani

Che fine hanno fatto i calciatori che negli ultimi 12 anni hanno indossato il rossonero. Sartore, Sbrissa e Convitto guidano il campionato di serie D con la maglia del Trapani

27 dicembre 2023
4 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Sono oltre 300 i calciatori transitati nella Lucchese negli ultimi dodici anni. Pochi giocano in serie A, qualcuno (per esempio Flavio Bianchi) si fa onore in B, poco più di 40 militano nei vari gironi di serie C con i centrali difensivi Marco Bellich e Matteo Bachini che guidati da Guido Pagliuca stanno dominando il girone meridionale. E gli altri? Gli pseudo talenti che hanno fatto sognare i tifosi in sede di calciomercato per poi sedurli e abbandonarli man mano che il campionato decretava i suoi inappellabili verdetti? Sono una sessantina quelli che oggi militano in serie D. Vediamoli in rassegna iniziando con quelli che guidano le classifiche dei nove gironi della A dei dilettanti.

I leader

Nel girone I – siciliano, campano, calabrese – a guidare la classifica è il Trapani dove giocano tre ex rossoneri: Giovanni Sbrissa, 27 anni, centrocampista, voluto da Lopez nella disgraziata stagione 2020-21; l’ala brasiliana Francisco Sartore, 28 anni, che militò nella Lucchese di Giovanni Galli e dopo un buon inizio fu penalizzato dagli infortuni e l’esterno Roberto Convitto, 27 anni, voluto tre anni fa dal ds Deoma e che già l’anno scorso vinse il campionato con l’Arezzo. Nel girone C (Veneto-Trentino-Friuli-Lombardia) domina la Clodiense del tecnico lucchese Antonio Andreucci (debuttò in C2 a 18 anni con Paolo Baldi in panchina) dove gioca Matteo Buratto, 29 anni, centrocampista, che portò a Lucca il ds Obbedio nella stagione 2017-18. Nel girone F in testa alla classifica c’è il Campobasso dove milita Antonio Di Nardo, 25 anni, attaccante, che arrivò a gennaio del 2019 dalla Sampdoria mentre nel girone H guida il Team Altamura dove segna Salvatore Molinaro, 25 anni, attaccante nella stagione della retrocessione in D seguita dal ripescaggio. Lottano per il vertice della classifica nel girone E (toscano-umbro) con la maglia del Grosseto il playmaker Nicholas Bensaja, 28 anni, due stagioni in rossonero, Alberto Picchi, classe 1997 e Gianni Riccobono, 28 anni, due elementi allenati in epoche diverse da Guido Pagliuca mentre nelle file del Folgav c’è ancora Fabrizio Lo Sicco protagonista della promozione in C nel 2013-14. In lotta per il ritorno nei professionisti anche il Siracusa dove troviamo lo specialista di promozioni Maikol Benassi, 34 anni, difensore centrale e lo stopper Marco Baldan, 30 anni, in campo con la Vibonese. Occhio al talento inesploso che Bruno Russo volle a tutti i costi a Lucca e inserì a 16 anni nella rosa della prima squadra: Claudio Cellammare, 19 anni, terzino, oggi secondo in classifica nel girone pugliese con il Nardò.

La carica degli ex

Nel girone A (Liguria e Piemonte) troviamo Stefano Botta, 37 anni, centrocampista, nel Ligorna); Alessandro Marchetti, 35 anni, difensore, nel Bra; Serigne Osman Gueye, 23 anni, nel Derthona; il grande mediano Mirko Bruccini, 37 anni, che assieme al centrale Salvatore Santeramo gioca nella Fezzanese; Diego Vannucci, 36 anni, difensore e Giorgio Lionetti, 25 anni, centrocampista, sono punti di forza della Lavagnese. Nel girone B (Lombardia e Veneto) ci sono il portiere Mirko Pennesi, 34 anni, nel Caravaggio e il difensore Antonio Magli, classe 1991, nel Ponte S. Pietro. Nel C troviamo il bomber slavo Filip Raicevic, 30 anni, nel Bassano e a Breno ecco la punta Piergiuseppe Maritato e l’ala Diego Vita. Nel Montecchio Maggiore c’è il centrale difensivo Della Bernardina mentre nella Luparense la punta ventenne Emanuele Schimmenti. Nel girone D (Emilia Romagna e Toscana) ci sono Marco Maini, 28 anni, difensore del Carpi mentre nel Forlì che insegue le prime della classe troviamo Simone Greselin, classe 1998, centrocampista; Mario Merlonghi, 36 anni, esterno d’attacco e il centravanti Lorenzo Babbi, 22 anni, visto l’anno passato. Nell’Aglianese c’è ancora Edoardo D’Ancona, 18 anni, difensore mentre nell’Imolese due giovani promesse non mantenute: Nunzio Brandi, 21 anni, mediano e la punta Simone Raffini, 27 anni. In Toscana hanno trovato casa l’attaccante flop Riccardo Moreo, 27 anni, al Prato e le meteore Fontanelli (portiere) e Razzanelli (difensore) al Certaldo). Sempre in Toscana il terzino Cosimo Nannini, classe 1999, è al Montevarchi mentre al Tau hanno trovato casa gli ex Mattia Lombardo, 28 anni, esterno difensivo e Matteo Meucci, 30 anni, mediano. Al GhiviBorgo gioca ala Gabriele Gibilterra, classe 2000 mentre il centrale Marco De Vito, 32 anni, è al Ponsacco e le meteore Pagnini (1997, portiere), Benedetti (1992, attaccante) e Mugelli (1997, ala) sono rispettivamente nel Figline, nella Pianese e nel Seravezza). Andando a Sud troviamo «Pasquale Iadaresta, 36 anni, autore del gol promozione in D nel 2020 che gioca nel Matese, la punta Francesco Marcheggiani, 32 anni, che milita nell’Aquila, il centrale difensivo Errico Altobello, 32 anni, che troviamo nel San Marzano e il terzino centopolmoni Filippo Florio, 27 anni, nell’Ischia Isolaverde. Sempre nel girone G troviamo i sardi Marco Rassu, terzino, classe 1995 nel Latte Dolce Sassari e il fantasista Mattia Floris, 31 anni, nel Cos Ogliastra mentre Riccardo Santovito, 24 anni, difensore e Mariano Bernardini, 25, centrocampista sono rispettivamente con il Trastevere e l’Ostia Mare. Infine al Sud troviamo la punta Demiro Pozzebon, 35 anni, nel Nola, il mancino Alex Benvenga, 32 anni, nel Gallipoli, il difensore Antonio Cardore, 27 anni, nell’Angri, il kosovaro Tanasj Kosovan, 28 anni, nel Gelbison Valle della Lucania e l’esperto terzino sinistro Enrico Pezzi, 34 anni, nel Casalnuovo. Del campionato scorso due calciatori sono finiti in D: il mediano Antonio D’Alena, 25 anni, al Casarano e la punta Gioacchino Catania, 20 anni, al Canicattì.


 

Primo piano
La storia

«Aiuto, sto per partorire in casa»: la paura e il lieto fine grazie alla corsa dei volontari di Livorno

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative