Il Tirreno

Lucca

Pagliuca ringrazia la squadra «La vittoria è merito dei ragazzi»

Luca Tronchetti

Soddisfatti l’ex presidente Russo e il direttore generale Santoro che predicano umiltà in vista del debutto casalingo con il Cesena  

30 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Ha sofferto in tribuna “scortato” dal collaboratore tecnico Simone Angeli e dal direttore sportivo Daniele Deoma. E alla fine, esattamente come otto anni fa, ha urlato la sua gioia andando a festeggiare con i ragazzi. Guido Pagliuca è tornato. E come se il tempo si fosse fermato nella stagione 2021-22 emula quanto accadde nell’annata calcistica 2013-14, quella della promozione in C, quella di Correggio: ha vinto la sua prima partita con la Lucchese in campionato sullo stesso terreno del «Romeo Galli» di Imola. Il 15 settembre 2013 era accaduto alla terza giornata di campionato. Stavolta alla prima partita del torneo. «É una bellissima serata che rievoca momenti straordinari. Ma ci tengo a sottolineare che il merito di questi primi tre punti è solo ed esclusivamente dei ragazzi, di questo grande gruppo che ho a disposizione. Hanno dimostrato anche oggi carattere e capacità di soffrire. Sappiamo che ogni partita sarà una battaglia da oggi sino alla fine del campionato. Sono contento di questi ragazzi anche di chi non è sceso in campo. So di poter contare su un gruppo che lavora sodo e con impegno tutti i giorni e che sta migliorando sotto ogni punto di vista. Panati? L’ho fatto entrare, ma ho visto che aveva un poco di difficoltà anche perché, a causa di un infortunio, ha dovuto saltare una parte della preparazione. Ma il ragazzo è intelligente e sa farsi trovare pronto al momento opportuno. La scelta di Picchi? So quanto mi può dare e l’ho messo dall’inizio. Non ha ancora novanta minuti nelle gambe. La partita? L’avete vista tutti. Dopo lo splendido gol di Semprini nella prima parte della ripresa abbiamo avuto la possibilità di chiuderla con la traversa colpita da Nanni. Poi la stanchezza si è fatta sentire e gli avversari hanno messo le quattro punte per cercare di pareggiare. Adesso lavoriamo concentrati con la testa al prossimo impegno».

Bruno Russo e Mario Santoro al settimo cielo: «Una vittoria meritata molto importante ai fini del morale e della classifica. La squadra ha mostrato personalità e carattere. Siamo soddisfatti, ma teniamo i piedi per terra e lavorare per migliorarci. La mano di Pagliuca inizia già a vedersi».

Luca Tronchetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Pianeta scuola e università

Ferrari, Don Abbondio e colesterolo: cosa c’è nel test di Medicina e quando usciranno i risultati