Il Tirreno

Lucca

pallacanestro 

Le Mura Lucca, l’imprenditore Massimo Nerini vicino all’acquisto e alla presidenza del club

Alessandro Petrini
Le Mura Lucca, l’imprenditore Massimo Nerini vicino all’acquisto e alla presidenza del club

Per lui sarebbe un ritorno: dal 2012 al 2015 è stato il primo presidente delle Spring. Le possibili novità nello staff 

29 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Alessandro Petrini

LUCCA. Dovrebbe essere l’imprenditore Massimo Nerini, già patron del Nico Basket, il prossimo proprietario e presidente del Basket Le Mura. Come già anticipato infatti l’attuale presidente Rodolfo Cavallo ha intenzione di lasciare la guida del club biancorosso dopo 12 anni di successi che sotto la sua guida hanno visto la squadra approdare alla serie A1 e poi arrivare alla vittoria dello scudetto nel 2017. Ora il Basket Le Mura è pronto a cambiare definitivamente pagina con l’inizio di una nuova era che potrebbe portare a una rivoluzione dell’intero assetto. Alla guida della società non ci sarà guidi alcun passaggio di consegne interno con uno degli attuali dirigenti, né è andata in porto la trattativa con una cordata di imprenditori lucchesi.

A concretizzarsi invece è stato l’interesse di Massimo Nerini, proprietario della Nico Nerini, azienda di scarpe con sede a Massa e Cozzile e fondata dal padre nel 1972 per poi diventare progressivamente un’azienda di respiro internazionale. Per Nerini sarebbe un ritorno a Lucca dopo che dal 2012 al 2015 è stato il primo presidente delle Mura Spring, squadra dove giocava anche la figlia Diletta. Qui è arrivata la folgorazione per il mondo della pallacanestro con la scelta di fondare nel 2015 il Nico Basket, squadra che gioca a Ponte Buggianese e che ha continuato fortemente a collaborare con le Spring diventando di fatto l’opportunità di giocare in serie B per le tante ragazze in uscita dal settore giovanile, tra le quali proprio Diletta. Poi nel 2018 è arrivata la vittoria del campionato, guadagnando sul campo la promozione in A2 e la scelta di spostare la sede – ma non il campo da gioco – a Pistoia.

L’arrivo di Nerini alla guida del club avrebbe sicuramente ripercussioni a tutti i livelli societari a partire dall’allenatore. Francesco Iurlaro ha infatti ancora tre anni di contratto ma è possibile che la nuova proprietà voglia da subito mettere i propri uomini nei ruoli più importanti e per questo a stretto giro è previsto un incontro con il tecnico biancorosso.

Il nome più papabile per la panchina biancorossa è quello di Luca Andreoli, allenatore bolognese che è cresciuto proprio alle Mura Spring prima come vice di Giuseppe Piazza e poi come capo allenatore. Luca Andreoli è il primo allenatore della storia del Nico Basket e guida la squadra in serie B. Poi per lui arriva la chiamata di Vigarano in A1 dove rimane per tre anni da capo allenatore. Infine nel 2019 la scelta di tornare in al Nico Basket, attualmente sesto in classifica nel girone Nord del campionato di A2 con 15 vittorie e 10 sconfitte.

Durante l’esperienza a Vigarano intanto Andreoli stringe i rapporti con il Dg Ennio Zazzaroni, uno degli artefici del miracolo sportivo della squadra, che ha lasciato la società nel 2020 e ora potrebbe approdare a Lucca come dirigente.

Sono altre poi le nuove figure che potrebbero arrivare in biancorosso in una sorta di nuovo anno zero nella vita della società.

Oltre al nodo dell’allenatore ci sarà da capire anche il futuro delle giocatrici. La certezza è che le tre straniere Harper, Tunstull e Jakubcova non saranno confermate. La playmaker titolare del futuro dovrebbe essere Alessandra Orsili, il cui cartellino è di proprietà della società.

Così come dovrebbero rimanere anche le altre giovani Silvia Pastrello e Giovanna Elena Smorto.

Le posizioni da valutare sono quelle del capitano Maria Miccoli, Francesca Russo e Claudia Pallotta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Elezioni: i ballottaggi
Il voto

Ballottaggi in Toscana: a Firenze vince Funaro. Montecatini al centrosinistra, ribaltone a Rosignano. Tutti i sindaci eletti – Video

di Federica Scintu