Il Tirreno

Lucca

La polemica

Corsa ciclistica, caos sulle strade a Lucca: «40 minuti per fare 4 chilometri»

Le atlete che passano in mezzo alle due fila di auto
Le atlete che passano in mezzo alle due fila di auto

Mattinata difficile per i campionati toscani nella zona nord e nell’Oltreserchio

07 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. È stato un sabato mattina più che complicato quello per centinaia di automobilisti che si sono trovati a passare nella zona nord della prima periferia: è stato l’effetto dei campionati italiani giovanili di ciclismo che – ieri e oggi – si svolgono proprio nella nostra provincia.

Il percorso prevedeva un “anello” tra via delle Tagliate e viale Carlo del Prete per poi prendere la variantina, superare il Serchio a Monte San Quirico e dirigersi verso Sant’Alessio per tornare poi da Mutigliano e di nuovo a monte San Quirico lungo la via per Camaiore.

Sono stati due i principali colli di bottiglia. Il primo quello causato dal divieto di prendere la variantina del Giannotti in direzione fiume: in questa maniera, infatti, le auto dirette nell’Oltreserchio si sono dovute incolonnare lungo via Matteo Civitali.

Questo ha portato al secondo punto critico, quello dell’attraversamento del fiume, sia lato Giannotti che lato Monte San Quirico.

Risultato, code sia lato Circonvallazione che nell’Oltreserchio. Con persone che hanno raccontato di «averci messo 40 minuti per percorrere quattro chilometri». L’ordinanza del Comune prevedeva infatti che le strade fossero chiuse soltanto in concomitanza del passaggio della carovana delle cicliste (si trattava di gare femminili): uno “stop and go” che sulla carta poteva funzionare ma che in realtà con l’aumentare delle macchine in coda non consentiva, in alcuni punti, di far defluire tutte le vetture prima del passaggio successivo delle atlete. E così è successo, ad esempio su viale Del Prete, che le cicliste si siano trovate a transitare non con la strada sgombra ma tra due fila di auto accostate a filo marciapede.

Una situazione che ha fatto anche registrare qualche momento di tensione, complice da una parte un’impazienza degli automobilisti non tenuta a bada e dall’altra una punta di arroganza da parte di alcuni membri della scorta tecnica della competizione. In mezzo, con un lavoro encomiabile, gli uomini e le donne della polizia municipale.

La situazione è migliorata intorno all’ora di pranzo, quando si è conclusa la seconda delle tre gare e nel pomeriggio, per l’ultima competizione in programma, i disagi sono stati più limitati.

Oggi la competizione si trasferisce ad Altopascio, che ha anche ospitato una festa p er i vari comitati regionali. La gara avrà inizio alle 9 per gli Esordienti I anno e alle 11.30 per quelli II anno con partenza e arrivo a Marginone. Le strade interessate per l’intera mattinata saranno: via Mammianese Sud (Marginone), via Mammianese Nord (Marginone), sottopasso ferroviario (San Salvatore), via Ponte in Canneto (San Salvatore), strada comunale del Canneto, via Romana Vecchia e via Provinciale Romana (Chiesanuova), SP45 via della Resistenza, via del Ponte alla Ciliegia, Località Michi - stabilimento Toscogas, località Ponte alla Ciliegia, via Del Cantini, via Mammianese Sud (Marginone), via di Montecarlo (Marginone), via del Marginone, via della Contea (Montecarlo), via Poggio Baldino (Montecarlo), via Poggio Baldino (loc. Tassinaia), via Mammaniese Sud (Marginone).

Per gli allievi Partenza alle 15 da Marginone e arrivo alle 17 sempre a Marginone. Le vie percorse dalla gara saranno via Mammianese Sud e via Mammianese Nord (Marginone), sottopasso ferroviario e via Ponte in Canneto (San Salvatore), strada comunale del Canneto, via Romana Vecchia e via Provinciale Romana (Chiesanuova), SP45 via della Resistenza, via del Ponte alla Ciliegia, in località Michi Stabilimento Toscogas, località Ponte alla Ciliegia, via del Cantini, via di Montecarlo (Marginone), via del Marginone, via della Contea e via Poggio Baldino (Montecarlo), in località Tassinaia via Poggio Baldino e arrivo su via Mammianese Sud.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport