Il Tirreno

Lucca

L’arresto

Altopascio, preso in sella a un bicicletta rubata e con un orologio da 35mila euro

Altopascio, preso in sella a un bicicletta rubata e con un orologio da 35mila euro

Arrestato dai carabinieri per ricettazione e sospettato di numerosi furti

28 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





ALTOPASCIO. Era già sfuggito una volta alla cattura – mentre stava fuggendo dopo aver messo a segno un furto – colpendo un carabinieri per farsi largo. Stavolta però i militari di Altopascio lo hanno atteso al varco e alle prime luci dell’alba di domenica lo hanno bloccato in sella a un mountain bike – con tanto di borsello contenente occhiali da sole, porta cellulare e guanti da ciclista – appena rubata da una casa della zona e con al polso un orologio Audemars Piquet da 35mila euro provento di furto avvenuto tempo fa in una villetta a Camaiore.

L’arrestato

In carcere è finito Razgui Hassen, 40 anni, originario della Tunisia, precedenti penali nella zona di Brescia. É accusato, oltre del reato di ricettazione, anche di resistenza e lesioni personali. Perché quando i militari lo hanno fermato, mentre percorreva alle 4 del mattino la via Mammianese, in un primo tempo è riuscito nuovamente a fuggire, ma pochi minuto dopo un altro equipaggio dell’Arma lo bloccava in piazza Gramsci. E lì per cercare la fuga ha aggredito un carabiniere colpendolo al volto e spintonandolo. Ma in quella circostanza gli altri militari lo hanno immobilizzato, messo in sicurezza e perquisito. Addosso aveva un piccolo quantitativo di hashish detenuto per uso personale. Durante quest’ultimo intervento un altro carabiniere è rimasto ferito e se la caverà in tre giorni.

Denunciato per i furti

Razgui Hassan è stato denunciato dai carabinieri per una serie di furti verificatisi ad Altopascio. Si tratta del colpo al centro commerciale “CZ Store” – la notte del 29 aprile quando vennero asportati 380 euro dal registratore di cassa, tre smartwatch e 10 SD card per un valore di circa 900 euro – di un furto di carta di credito all’interno di un’autovettura – consumato la mattina dell’11 maggio con il quarantenne tunisino immortalato dalle telecamere di videosorveglianza mentre utilizzava quella carta per acquisti dentro un’attività commerciale – un furto al negozio di parrucchieri “Franchi” avvenuto la notte del 12 maggio quando venne fermato da una pattuglia dei carabinieri di Altopascio, ma riuscì a fuggire colpendo il militare che lo stava controllando e procurandogli lesioni. La refurtiva, consistente in attrezzature e prodotti per diverse centinaia di euro, venne recuperata e restituita al proprietario. Per ultimo un furto di monopattino è avvenuto in piazza Vittorio Emanuele.

I sospetti

I carabinieri ritengono di avere elementi probatori per ritenere che il tunisino sia l’autore anche dei furti perpetrati in danno delle attività “Vacca Boia”, “La Dogana” e “Sukai Sushi”, commessi nel mese di maggio. L’arresto di Razgui Hassan è stato convalidato dal giudice Gianluca Massaro e al termine dell’udienza il quarantenne è stato condotto nel carcere di San Giorgio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina