Il Tirreno

Lucca

Podismo

Marcia delle Ville: in 10mila a camminare tra le bellezze di Capannori – Le foto

di Silvia Barsotti
Marcia delle Ville: in 10mila a camminare tra le bellezze di Capannori – Le foto

Fra i partecipanti all’edizione numero 76 anche tanti stranieri

28 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CAPANNORI. Pettorina, maglietta arancione e siamo subito pronti per la 76ª edizione della Marcia delle Ville, che quest’anno ha accolto quasi 10mila persone da tutta Italia e non solo.

Come da tradizione, nell’ultima domenica di aprile si è tenuta tra le colline di Capannori la camminata tra le dimore storiche più belle della provincia. Le protagoniste: Villa Reale, La Specola, Villa La Badiola, Villa Iolanda, Villa Guinigi, Villa Mansi, Villa del Vescovo, Villa Bruguier, Villa Lazzareschi e Villa Torrigiani.

Quest’anno quattro percorsi da scegliere e tre diversi momenti in cui partire. La partenza “A” alle 8 per i primi percorsi di 16 e 26 chilometri. Alle 9.30 la partenza “B” per i percorsi di 10 e 16 chilometri. E alle 10.30 la partenza “C” per i percorsi di 4 e 10 chilometri. La più accreditata è stata la tratta da 16 chilometri, da tanti anni quella a riscuotere maggior successo: ma per la prossima edizione, l’organizzazione dell’evento sta già progettando un nuovo percorso intermedio da 20 chilometri che consentirà di raggiungere più Ville.


Chi camminando, chi correndo, chi da solo e chi in compagnia di amici e animali a quattro zampe, chi di sei mesi e chi di 82 anni, tutti felici e spensierati, nel verde delle colline Capannoresi, ad ammirare le bellezze tra i profumi della primavera.

Anche quest’anno la Marcia delle Ville, partita dal mercato ortofrutticolo di Marlia, ha ospitato migliaia di persino, tra questi l’attuale sindaco del comune di Capannori, nonché Presidente della provincia di Lucca, Luca Menesini e alcuni tra i candidati a sindaco per le future elezioni del Comune. A partecipare all’evento anche Stefano Gori, atleta paralimpico lucchese.

A camminare sui sentieri della campagna non solo lucchesi, né tantomeno toscani o italiani: a prendere parte alla manifestazione lucchese vi sono stati anche inglesi, francesi e tedeschi. Tra quest’ultimi cinque originari di Schwarzenbach, in Germania, amanti delle passeggiate e lì per il secondo anno di fila. Dopo la prima metà del percorso, li abbiamo trovati seduti a concedersi un momento di relax e sorseggiare qualche bicchiere di prosecco di fronte allo splendido panorama. «È il segreto per arrivare fino in fondo: solo un piccolo break prima di ripartire», dicono.

Soddisfatto il presidente Ruggero Taddeucci: «Ogni anno cerchiamo di cambiare qualche dettaglio nei vari percorsi, in modo da offrire esperienze nuove a chi, ogni anno, partecipa alla nostra marcia. Quest’anno, rispetto agli anni scorsi, abbiamo inserito la Villa del Vescovo anche per il percorso da 16 chilometri e un nuovo sentiero a Segromigno in Monte, una parte che non era stata ancora esplorata con i vecchi percorsi».

Durante i percorsi, non potevano ovviamente mancare i punti ristoro ad offrire frutta, focacce e bibite per permettere agli escursionisti di rifocillarsi dopo chilometri di camminata. Così anche all’arrivo, dove ad aspettarli hanno trovato bibite fresche e ottime pietanze ancora calde, l’ideale dopo una lunga camminata in mezzo alla natura.

Unico neo, soprattutto per chi ha scelto il percorso più lungo, il fatto che nel primo pomeriggio alcune ville siano risultate chiuse e, quindi, non visitabili.l

 

Primo piano
In strada

Autovelox, le nuove regole sulla velocità e i limiti in città