Il Tirreno

Lucca

Sport e impianti

Addio PalaTagliate, a Lucca arriva un’arena con seimila spettatori per i concerti

Addio PalaTagliate, a Lucca arriva un’arena con seimila spettatori per i concerti<br type="_moz" />

Nel 2025 dopo 45 anni di vita la struttura sarà demolita per un nuovo impianto

30 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. A giugno 2025, dopo 45 anni di onorato servizio nei quali sono state scritte pagine indimenticabili dello sport lucchese come lo scudetto del Basket Le Mura, il PalaTagliate chiuderà i battenti. Anzi, verrà demolito per essere sostituito da un Palasport, moderno, accessibile e sostenibile, che Lucca aspetta da decenni.

Una struttura che, stando allo studio progettuale presentato dal sindaco Pardini, dagli assessori ai lavori pubblici Nicola Buchignani e allo sport Fabio Barsanti, vedrà al suo interno un’arena polivalente “Gold” capace di accogliere 4.600 spettatori nelle manifestazioni sportive, e salire a 6mila per concerti, spettacoli. Adiacente sorgerà un palazzetto “Silver”, capienza massima di mille persone.

Due impianti autonomi e complementari che funzioneranno contemporaneamente, permettendo di risolvere, una volte per tutte, l’atavica questione dell’incompatibilità tra altrettante partite.

Una rivoluzione nel panorama delle infrastrutture cittadine rimaste ancorate, come molte realtà italiane, al passato.

«Si tratta di un contenitore che i lucchesi attendevano da molto tempo – afferma un raggiante Pardini – . Questa sarà la nuova casa di spettacolo e sport che Lucca si merita di avere. Spero che la giornata odierna (ieri per chi legge, nda) sia il primo passo per dare entusiasmo a questo settore, con l’augurio che pure l’imprenditoria locale fornisca il proprio contributo, aiutando le società sostenute dalla forza di volontà dei rispettivi dirigenti. Il nuovo edificio potrà produrre da solo l’energia necessaria al suo funzionamento, con tanto di impianto fotovoltaico sulla sommità della copertura».

L’amministrazione comunale, prima di operare questa scelta, aveva presa in considerazione anche un’alternativa che prevedeva l’ampliamento del PalaTagliate. I costi del nuovo Palasport, tra demolizione e ricostruzione, saranno di 25, 5 milioni di euro, con 4, 5 milioni di incentivi del gestore dei servizi energetici. I restanti 21 milioni di euro, dunque, saranno coperti dal Comune.

«Al PalaTagliate siamo tutti legati da splendidi ricordi, però i pregi venivano superati dai difetti- puntualizza l’assessore Buchignani – . Problemi rimasti nonostante i molti lavori di manutenzione effettuati in questi anni. In questi mesi abbiamo visitato altre città che avevano investito negli impianti sportivi, capendo quali direzioni avevano percorso. Dopo aver studiato le due ipotesi, abbiamo optato per realizzare una struttura completamente nuova, utilizzando pure dei fondi ministeriali. Sarà un Palasport fruibile non solo dalla pallacanestro, ma anche da altri sport quali volley, tennis, scherma e ginnastica ritmica. Mi preme sottolineare il completo abbattimento delle barriere architettoniche. Un nuovo palazzetto dello sport che rivestirà le sembianze di un volano attrattivo sia per la crescita sportiva delle società, che per riportare a Lucca eventi di caratura internazionali».

Aggiunge l’assessore Barsanti: «Con un impianto del genere, non sarà utopia ambire a ospitare la nazionale di basket o volley – . Si aprono prospettive interessanti anche per l’ambizione dei club della nostra città, che in futuro non lontano punteranno ad alzare il livello dei loro campionati di appartenenza. Il palazzetto “Silver”, poi, sarà una casa accoglienti per quegli sport minori, ma che regalano grosse soddisfazioni e lanciano atleti di qualità, che attualmente faticano a trovare spazi per gli allenamenti».

Per il futuro della piscina comunale, la giunta Pardini ha confermato la volontà di realizzare un nuovo impianto sempre alle Tagliate, nello spazio occupato un tempo dalle strutture della Croce Rossa. Il costo dell’opera, già inserita nel piano triennale delle opere pubbliche, si aggira sugli 8 milioni di euro.

La tabella di marcia prevede l’affidamento, tramite gara, nel 2024 dell’incarico per la progettazione della fattibilità tecnico economica. Successivamente si svolgerà la conferenza dei servizi, per poi acquisire il parere del Coni fino a giungere all’affidamento dei lavori. Inizio del cantiere programmato per l’estate 2025 mentre il termine dei lavori è calendarizzato tra fine 2027 e inizio 2028.


 

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative