Il Tirreno

Lucca

Sos sicurezza

Lucca, filmato mentre sfonda la vetrina e ruba tre telefonini e il fondo cassa

di Pietro Barghigiani
Lucca, filmato mentre sfonda la vetrina e ruba tre telefonini e il fondo cassa

Colpo nella notte ai danni del negozio “A pollo chicken point”

29 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. È un filmato di un minuto e 39 secondi durante il quale si vede nell’ordine: il ladro che a calci sfonda la vetrina, si sposta dietro al bancone arraffando la cassa, tre cellulari e, già che c’è, apre pure il frigorifero e prende quattro birre.

Quindi dopo l’ultima occhiata per capire se c’è altro da rubare, esce dalla porta sfondata spostando il vetro sbilenco con una gamba. Fine del raid e inizio della conta dei danni.

Una sequenza nitida nella sua evoluzione quella che ha visto il locale “A pollo chicken point” di viale Regina Margherita bersaglio di un furto come tanti stanno segnando da giorni i pubblici esercizi di Piana e Media Valle Garfagnana.

Un’impennata di colpi ripartita con il periodo delle festività natalizie che non risparmia le attività commerciali con una prevalenza per i bar e chi somministra bevande e alimenti.

In tutto il bottino ammonta a qualche centinaio di euro.

Nell’elenco ci sono tre cellulari, usati dall’attività per le ordinazioni telefoniche con consegne a domicilio dei cibi, quattro birre e 200 euro lasciati nella cassa la sera prima della chiusura.

Qaisar Mehmood è il titolare dal 2015 del fast food che si trova a poche decine di metri dalla questura.

«Mi era capitato di subire un furto simile al tempo dei Comics nel 2022 – spiega il commerciante – . Dal video che ho consegnato alla polizia si vede bene come si è mosso il ladro. Oltre a quello che ha rubato c’è anche il danno da pagare per la riparazione della vetrina».

Agenti delle volanti e personale della scientifica ieri mattina hanno svolto un sopralluogo per acquisire elementi che potranno essere utili nelle indagini. Il filmato è uno di questi.

Il ladro indossava jeans, a volto scoperto, carnagione chiara, e un cappuccio copriva parzialmente il viso. Corporatura mingherlina.

Il fast food ha chiuso intorno alle 23,30. L’autore del furto, secondo il racconto visivo della videosorveglianza interna, è entrato alle 00,26.

Dalle immagini si vedono la sagoma di una persona che passeggia sul marciapiede, si ferma davanti alla vetrina e con qualche calcio riesce a vincere la resistenza dell’ingresso infilandosi nel locale.

Quanto basta per prendere il possesso temporaneo del locale e rubare soldi, birre e cellulari infilati tra cintura e pantaloni prima di sparire.l

Pietro Barghigiani

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport