Il Tirreno

Lucca

Viabilità

Borgo a Mozzano, Statale aperta entro 10 giorni

di Emanuela Ambrogi
Borgo a Mozzano, Statale aperta entro 10 giorni<br type="_moz" />

Garanzie di Anas nell’incontro in prefettura chiesto dal sindaco Andreuccetti

28 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





BORGO A MOZZANO. Riapertura con semaforo a senso alternato entro i primi dieci giorni di dicembre dei tratti stradali della Statale 12 interrotti dalle frane a Ponterotto e nei pressi della Schott Italvetro, con rimozione totale dei detriti e riapertura totale della strada nei due sensi entro il mese di gennaio.

Sono le prime assicurazioni date dall’Anas nell’incontro in prefettura chiesto dal sindaco di Borgo a Mozzano, Patrizio Andreuccetti. In merito all’antico progetto di globale messa in sicurezza della via del Brennero tra Anchiano e Chifenti, Anas ha preso impegno di iniziare nel mese di dicembre i lavori per realizzare la scogliera lato fiume, dal costo di circa 6 milioni di euro, da situarsi tra Chifenti e la Schott Italvetro.

Intervento che renderà possibile rimuovere il semaforo nei pressi della deviazione per Corsagna e ripristinare una viabilità normale che un lontano ricordo che si perde negli anni. Andreuccetti ringrazia la prefettura per aver organizzato il summit con Anas, al quale erano presenti anche gli altri sindaci del territorio, ma si dice soddisfatto con riserva delle risposte ricevute. La riserva è relativa soprattutto al rispetto dei tempi assicurati dall’Anas. L’esito delle promesse fatte finora dall’azienda di Stato induce alla prudenza sulle garanzie dell’opera globale e ai suoi tempi. L’Anas in prefettura ha ribadito l’avvio di un percorso puntuale e Andreuccetti ha assicurato massima disponibilità a collaborare.

Il Comune di Borgo a Mozzano si è attivato anche per inviare ingiunzioni di messa in sicurezza ai proprietari dei terreni privati coperti da piante pericolanti e con problemi di caduta massi.

«Siamo soddisfatti? – si chiede il sindaco – Sì, in parte. Il “sì” è sia per l’oggetto degli interventi sia per la tempistica. Il “parte” è perché diviene fondamentale che i tempi si rispettino davvero e perché si trovi il modo di risarcire enti come Comune di Borgo a Mozzano e Provincia che hanno dovuto investire in trasporto pubblico aggiuntivo a causa delle interruzioni della viabilità. Sarà nostra cura vigilare sul rispetto di oggetto e tempistica delle opere, così da avere risposte concrete a favore di tutta la collettività. Se così sarà, ci riterremo pienamente soddisfatti». l



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La Toscana che si sbriciola

Frana a Vaiano, una strada chiusa mette in crisi il distretto tessile: «50 milioni di danni al giorno»

di Luigi Spinosi
Le nostre iniziative