Il Tirreno

Lucca

La truffa

Ex promotore finanziario deve risarcire i clienti per i soldi fatti sparire

Ex promotore finanziario deve risarcire i clienti per i soldi fatti sparire

Lucca, la vicenda dei soldi consegnati e poi spariti: la sentenza del tribunale

19 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Sei anni fa era stato radiato dall’albo dei promotori finanziari. Ora è stato condannato a risarcire due dei clienti che gli avevano affidato il proprio denaro. Condannata in solido anche la Deutsche Bank, istituto presso il quale Domenichino Romei, 68enne di Minucciano, svolgeva il ruolo di promotore finanziario (all’epoca sotto le insegne di “finanza e futuro”). I due clienti, un uomo di Foggia residente a Chiesina Uzzanese e una donna di Lucca residente sempre a Chiesina, si erano rivolti alla giustizia proprio dopo che erano venuti a conoscenza della radiazione di Romei.

In sostanza – secondo quanto ricostruito in sentenza – i due malcapitati erano stati convinti da Romei a firmare prenotazioni per obbligazioni (nel caso della donna 20mila euro, nel caso dell’uomo 10mila) e gli avevano consegnato anche assegni circolari per l’importo necessario. Assegni che venivano poi negoziati dallo stesso Romei senza che però – come scrive il giudice Nicola Latour in sentenza – ne conseguisse alcun investimento a loro favore.

Per quanto riguarda il ruolo di Deutsche Bank, secondo il giudice – anche sulla base di pronunce della Corte di Cassazione – aveva il dovere di evitare il raggiro. Così, alla fine, la sentenza parla di un risarcimento complessivo di 30mila euro ai due risparmiatori in solido tra Romeo e la banca, anche se viene disposta la “manleva” a favore dell’istituto di credito che quindi Romei dovrà «tenere indenne» di quanto costretto a pagare alle due vittime.

Non è escluso che possano arrivare altre sentenze simili: secondo quanto stabilito da Consob nel 2017, il portafoglio clienti di Romei era infatti molto ampio.
 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto