lucca
cronaca

Sanzionato per 10mila euro: in tribunale importo ridotto a 480

Il giudice di pace dà ragione a un cittadino residente in centro storico


21 giugno 2022


LUCCA. Aducons Law & Food con l’avvocato Adriana Tellini, vince un ricorso al giudice di pace, con il quale ha assistito un residente del centro storico: ridotto a 480 euro un cumulo di multe pari a diecimila euro iniziali.

«Un residente nel centro storico di Lucca, con relativo permesso e con un’abitazione in una zona a cui l’accesso era limitato dai varchi elettronici, perché appunto in area pedonale, si era trovato improvvisamente a ricevere nel giro di pochi giorni decine e decine di multe per un totale di diecimila euro», spiega la vicenda Aducons.

Inconsapevole di quello che stava accadendo, il residente si è rivolto all’associazione che tutela gli interessi di utenti e consumatori, che ha portato il suo caso fino al giudice di pace.

«L’uomo – viene ulteriormente spiegato – si era trasferito momentaneamente al di fuori dal centro storico, ma manteneva ancora la famiglia e i figli nel centro storico e anche la sua residenza. Quindi ha continuato ad andare a casa sua, pensando appunto di essere coperto dal permesso che ha sempre posseduto. Non ancora chiaro per quali motivi, dopo un controllo, gli è stata revocata la residenza, senza che ricevesse nessuna comunicazione in merito».

Ignaro quindi di non aver più i titoli per accedere alla sua casa in centro, ha continuato ad andare avanti indietro dalla sua famiglia e dalla sua abitazione, anche per diverse volte al giorno.

«Dopo diversi passaggi in area pedonale, sono iniziate ad arrivare le multe, una dopo l'altra, fino ad arrivare a diecimila mila euro cumulativi. Il giudice di pace ha riconosciuto i diritti del cittadino e ha ridotto le multe ad appena 480 euro», è la conclusione della particolare vicenda.l

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.