Il Tirreno

Lucca

grazie alle associazioni 

Installato un defibrillatore in viale Puccini a Sant’Anna

Michele Citarella
Installato un defibrillatore in viale Puccini a Sant’Anna

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





lucca. A Sant'Anna da oggi è presente un nuovo defibrillatore automatico esterno (Dae), donato dall'associazione Parco di Sant'Anna in collaborazione con l'associazione Mirko Ungaretti. L'apparecchio è stato installato al bar Gelateria Lucchese in viale Puccini, vicino all'incrocio con viale Einaudi; accessibile e utilizzabile da chiunque abbia bisogno di intervenire in soccorso a persone in pericolo per arresto cardiaco. L'inaugurazione è avvenuta alla presenza dei volontari delle due associazioni, la vicepresidente del consiglio comunale Teresa Leone, i fratelli Adolfo, Sergio e Sandra Pescaglini in rappresentanza della Gelateria Luchese e Giovanni Battistoni, titolare dell'Edicolotto. Si amplia la rete di dispositivi defibrillatori pubblici, installati in vari punti della città. Il percorso per rendere Lucca totalmente "cardioprotetta" proseguirà in parallelo con l'organizzazione di corsi di pronto soccorso. A Sant'Anna questa iniziativa è nata nel ricordo del primo presidente dell’associazione Parco di Sant'Anna Umberto Capocchi, prematuramente deceduta (era presente la famiglia). L’impegno di Capocchi nell’associazione fu prezioso per accrescere la sensibilità della gente su temi quali aree a verde, viabilità e servizi, in un quartiere molto urbanizzato e che salì alla ribalta delle cronache per le vicende legate al parco di viale Einaudi. L’installazione del defibrillatore di viale Puccini, per l’associazione Parco Sant’Anna è solo la prima di una serie di installazioni. Obiettivo prossimo è quello di installare un ulteriore defibrillatore nel l parco comunale di via Matteotti, finanziato da una raccolta fondi a cui hanno aderito i residenti e commercianti del quartiere.

L’associazione Parco Sant’Anna punta nei prossimi mesi a ultimare l’iter burocratico con il Comune di Lucca. Essendo il parco confinante con un impianto di calcio e un campo di basket, ed essendo stato corredato dall’amministrazione comunale di percorsi vita e attrezzi che lo hanno trasformato in palestra all’aperto, questa installazione di via Matteotti è stata la più sollecitata dall’opinione pubblica.

Michele Citarella

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
di Matteo Scardigli

Corriere scomparso, ritrovato il cadavere durante il sopralluogo alla villetta ad Arcidosso. I misteri ancora da chiarire