Il Tirreno

Lucca

la storia 

«Ecco la mia odissea di cinque giorni per fissare il tampone»

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





lucca. È durata quattro giorni l’odissea per un tampone molecolare per il signor Maurizio Della Nave, conosciuto a Lucca per la sua attività in ambito grafico e artistico. Odissea che Della Nave ha raccontato al Tirreno anche come esempio di difficoltà attraversate da tante persone in queste convulse giornate di fine anno, con i contagi schizzati alle stelle e tante persone alle prese con il Covid.

Della Nave ha affrontato questa “avventura” insieme alla sua compagna.

«Siamo risultati positivi il 26 dicembre – racconta – avendo fatto una persona un tampone rapido in farmacia e l’altra avendo dopo poco gli stessi sintomi, ma senza fare il tampone rapido. Preciso che entrambi abbiamo effettuato prima e seconda vaccinazione e abbiamo già prenotato la terza».

A quel punto, prosegue il racconto, è iniziata la disperata ricerca di contattare i servizi per richiedere un tampone molecolare «in media ogni mezz’ora, salvo la notte che invece, mettendo la sveglia, ci ho provato ogni ora e mezzo». Della Nave ha messo in atto i suoi tentativi su Lucca, Versilia e Garfagnana, ma senza successo. «Ho provato a telefonare al numero verde 800 004477 tasto 5 per segnalare le anomalie ma non sapevano cosa rispondere e l’operatore si trincerava dicendo “per le disponibilità è meglio che contatti direttamente l’ufficio relazioni con il pubblico dell’Usl della sua zona”».

Dopo quattro giorni di ricerche, finalmente ieri è riuscito a fissare un tampone per domani, 1° gennaio. «Questa odissea rende nervosi, in particolare in un momento in cui non stai bene e sei preoccupato, anche se sei vaccinato – conclude Della Nave –. Ci sono voluti cinque giorni per fissare un tampone. Credo che tante persone si siano trovate nella mia situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Il caso

Livorno, l’evaso dal carcere ripreso alla stazione di Roma Tiburtina