Il Tirreno

Lucca

L’ANNIVERSARIO

Festeggia 50 anni Forino, il ristorante dei campioni

Nicola Nucci
 Festeggia 50 anni Forino, il ristorante dei campioni

È uno dei locali più noti in Lucchesia, ai suoi tavoli ha visto grandi nomi dello sport. Più di recente vi hanno cenato anche personaggi della cultura e dello spettacolo

30 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





CAPANNORI. Mezzo secolo di vita per il ristorante Forino. Un’avventura iniziata nel lontano 1971 quando Osvaldo Cerri e Maddalena Fanucchi, marito e moglie, dettero vita a quello che negli anni si è poi consolidato tra i locali più noti e apprezzati della Lucchesia. All’inizio una trattoria di famiglia, ricavata accanto al bar Forino, sempre della famiglia, diventato col tempo un locale capace di coniugare la tradizione della cucina tipica con quella più innovativa e specializzata nel pesce.

Oggi a tramandare la tradizione ci sono le figlie Ester e Lara Cerri e lo chef Andrea Ruzza. «Siamo nati prima come trattoria accanto all’attuale bar Forino - raccontano -, nel 1980 ci siamo trasferiti qualche metro più avanti in via Piaggia nei nuovi locali ma sempre nel segno della continuità». Si entra in una bella sala elegantemente arredata dove c’è la possibilità di appartarsi in una saletta o in un’altra più grande e nelle serate di buona stagione si cena fuori immersi in un colorato giardino fiorito. «La gestione familiare è uno dei nostri punti di forza e l’atmosfera si è mantenuta in questi cinquanta anni che festeggiamo il 30 aprile (oggi per chi legge, nda) - raccontano Ester e Lara Cerri - negli anni duemila il ristorante si è adeguato alle nuove esigenze e un tocco di modernità con la ristrutturazione del grande salone all’interno con ambienti separati per garantire riservatezza e intimità. Poi negli anni abbiamo ampliato gli spazi esterni che in questi giorni abbiamo riorganizzato per riaprire nel rispetto delle regole anti covid».

Capannori e Forino, una storia indissolubile. Un ristorante icona del territorio frequentato da sindaci e assessori del Comune, famiglie capannoresi, clienti da tutta Italia e tanti vip. Nel corso degli anni ha ospitato personaggi di spicco del mondo della cultura, della politica e dello spettacolo. «La Juventus è stata di casa, anche grazie alla sede del club dei tifosi, uno dei più grandi d’Italia, a pochi passi dal ristorante. Negli anni Ottanta hanno cenato da noi Platini, Cabrini, Brio e tanti altri calciatori bianconeri. Poi stelle dei motori come il pilota di Formula 1 della Ferrari Michele Alboreto e i campioni della moto Max Biaggi e Loris Capirossi. Ricordiamo una piacevolissima serata con la ballerina e soubrette Heather Parisi che apprezzò sia piatti di pesce che un menù della tradizione lucchese. Negli ultimi anni sono passati anche il giornalista Giovanni Minoli, la scrittice Barbara Alberti, la showgirl Ela Weber e l’attrice Bianca Guaccero. Tanti gli aneddoti come quello legato al maestro Ugo Ughi che dopo una cena rilassante dimenticò il suo violino Stradivari. Tra i nostri affezionati clienti ci sono l’attore Eros Pagni e il fumettista Simone Bianchi che sono capannoresi celebri».

Artefice della cucina di Forino è Andrea Ruzza, marito di Ester, che firma i piatti presenti sul menu all’insegna di una cucina tradizionale, fatta ad alto livello di qualità e gusto, dove non mancano ricette lucchesi. «Siamo stati antesignani di una cucina di pesce a Capannori - racconta lo chef - e la ricerca di sapori e abbinamenti originali ma senza tralasciare i piatti tipici e salvaguardando la tradizione con una cura e attenzione ai prodotti del territorio. Una scommessa che si può dire sia stata vinta». Forino ha sfidato anche la pandemia e ha riaperto al pubblico col ritorno in zona gialla. «Purtroppo non abbiamo potuto fare i rinfreschi per matrimoni e cerimonie, speriamo presto. Durante il lockdown più duro e in questi ultimi mesi abbiamo preparato diversi piatti da asporto per pranzi e cene, anche per Pasqua - dicono Ester e Lara - per la riapertura abbiamo fatto un nuovo allestimento negli spazi esterni, giardino e gazebo con tavoli dove accogliere e divanetti per i fumatori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Scuola

Maturità, le tracce della prima prova: Ungaretti, Pirandello, l’atomica e i social