Il Tirreno

Livorno

Basket

È arrivato anche il “pistolero”: super colpo PL con Leonzio

di Francesco Parducci
È arrivato anche il “pistolero”: super colpo PL con Leonzio<br type="_moz" />

La gioia di Campanella: «Un top player e giocatore vincente». Si chiude oggi il termine per le iscrizioni al campionato di B nazionale e finalmente potremo sapere quanti e quali squadre parteciperanno

04 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Livorno Colpo grosso per la PL. Ennio Leonzio, trent'anni a settembre, guardia di 191 cm, ha scelto la società del presidente Farneti nonostante la corte serrata di altre squadre, prima fra tutte la neopromossa Virtus Roma.

Si tratta di un innesto importante, di un giocatore che a livello di serie B è sicuramente un top player, oltre a essere uno che sa come si fa a vincere questo campionato, visto che ha saputo farlo già tre volte, la prima con Pescara, la seconda con Cento, l'ultima due anni fa con Orzinuovi. Rimasto nella cittadina bresciana, ha mantenuto nel campionato scorso uno standard di rendimento elevatissimo, segnando oltre 11 punti di media a gara con qualcosa come il 50% da tre punti.

Palpabile la soddisfazione del direttore generale Petronio, bravo a condurre in porto una trattativa non facile proprio a causa della numerosa concorrenza. «L'arrivo di Leonzio amplifica di molto il potenziale offensivo della squadra ed è coerente con gli obiettivi che ci siamo prefissati. Mi auguro che possa essere uno dei protagonisti in assoluto del prossimo campionato».

Ovviamente felice del suo arrivo anche coach Campanella. «Semplicemente lo reputiamo un top player per la serie B, uno che ha già vinto tanto (oltre alle tre promozioni, anche una Supercoppa e una Coppa Italia con Orzinuovi, n.d.r.) e sa come si giocano le partite più importanti. Incontrato più volte da avversario, mi ha sempre impressionato perché non è solo un tiratore ma anche uno che sa creare per i compagni».

«Un onore e un privilegio», così il nuovo arrivato in biancazzurro ha definito l'ingaggio da parte della PL. «Non ho avuto dubbi sulla scelta conoscendo la storia di questa piazza e l'amore che lega questa squadra alla sua tifoseria. Tutti insieme per un unico obiettivo».

L'arrivo di Leonzio come guardia titolare chiude definitivamente le porte al giocatore straniero nel reparto dei piccoli, ormai completo con Bonacini, lo stesso Leonzio, Venucci, Campori e Del Testa. Il comunitario (o extra con visto) verrà quindi cercato nel ruolo di “3” se non addirittura fra i centri.

E a proposito di centri resta aperta la pista che porta a Mattia Acunzo, ala/pivot di grande talento e protagonista di un campionato eccellente sia pure in una squadra di bassa fascia come Salerno. Nelle ultime ore nella trattativa si è insinuata anche Gema Montecatini che incassato il “no, grazie” di Tommaso Fantoni è ancora alla ricerca di un lungo ma la speranza è che, così come è avvenuto per Leonzio, la PL possa spuntarla.

A quel punto, per la chiusura del cerchio, leggi per completare la squadra, mancherebbero solo tre giocatori, due lunghi e l'ala piccola titolare. Uno dei tre andrà cercato (anche se la cosa non è obbligatoria) sul mercato degli stranieri. Tra i nomi che circolano in queste ore c’è quello di Daniel Donzelli, 28 anni, anche lui lo scorso anno in serie A2 con la maglia di Orzinuovi, un 2 metri che gioca interno, che viene da 9 anni consecutivi di A2. Un profilo insomma in linea con quelle che sono state le scelte fino a oggi della PL: giocatori che vengono dal piano di sopra, esperti e vincenti.

Iscrizioni e gironi

Si chiude oggi il termine per le iscrizioni al campionato di B nazionale e finalmente potremo sapere quanti e quali squadre parteciperanno. Difficile che si arrivi alle 42 originariamente previste per la formula del 2024/2025, più probabile che si scenda a 40 se non meno addirittura, con riduzione dei turni infrasettimanali dai 12 ipotizzati a 10. E, al massimo domani, si dovrebbe anche venire a conoscenza della composizione dei gironi. Per la Toscana (o almeno per la PL con le due di Montecatini) restano in piedi entrambe le opzioni, girone nord più comodo (ma con tre trasferte in Sicilia) ma più competitivo e girone sud, forse più abbordabile tecnicamente ma di certo non agevole da un punto di vista logistico specie quando le trasferte più lontane dovessero capitare in uno dei numerosi turni infrasettimanali. l

Primo piano
Allarme criminalità

Dietro ai roghi di Prato la “guerra delle grucce”: un affare da cento milioni di euro

di Paolo Nencioni