Il Tirreno

Livorno

Basket: serie B

La Libertas soffre ma a fil di sirena supera Legnano


	I festeggiamenti della Libertas a fine partita (foto Silvi)
I festeggiamenti della Libertas a fine partita (foto Silvi)

L’approccio della squadra è stato migliore rispetto ad altri match casalinghi. La partita finisce 67-66

23 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. A fil di sirena ma la Libertas la porta a casa. Soffrendo, stringendo i denti, ma trovando con Jacopo Lucarelli a 3” dalla fine un pazzesco canestro della vittoria: un’entrata con tiro in equilibrio folle, che infila la retina e regala il sorpasso alla Libertas 67-66. Legnano avrebbe anche la palla della vittoria ma negli ultimi 3 secondi Raivio si incarta, la difesa della Libertas diventa d’acciaio e così finisce in trionfo.

L’approccio della Libertas è stato buono, diciamo migliore rispetto ad altri match casalinghi. Difesa tosta, buona circolazione e il primo mini-allungo arriva sul 18-13, prima di chiudere il tempino sul 18-15, dominando sottocanestro (14 rimbalzi contro i 7 di Legnano) e con Ricci super in difesa su Raivio (pensate al 10’ aveva 0 punti con 0/3 al tiro)..

La partita sembra spaccarsi nel terzo quarto quando esce tutta la differenza tra essere una squadra (la Libertas) e essere una somma di giocatori (Legnano). Gli ospiti si sfaldano alla prima difficoltà, mentre la Libertas dà spettacolo trascinata da un immarcabile Allinei e dal meno 3 gli amaranto volano a più 11 (51-40) con un parziale di 16-2.

Finita qui? Macché, stavolta la Libertas non ha il killer-istinct mostrato altre volte, quella che la porta a uccidere l’avversario appena si presenta l’occasione. Così Legnano inizia a rosicchiare il vantaggio, prima torna a meno 5 (52-47), poi trova il pareggio sul 56-56. Così si decide tutto nell'ultimo quarto e la Libertas la vince in volata mostrando la garra e il cuore che servono in queste partite.

Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative