livorno
sport

Pugni, spettacolo e tanti applausi. Al Palacosmelli il galà della boxe

Grande successo per il Memorial Mario Rotelli organizzato da Salvemini. Brilla il baby Souda (2008) premiato miglior pugile della serata. Ecco i risultati


22 giugno 2022 Mario Orsini


Livorno Nono appuntamento con il Memorial Mario Rotelli, organizzato dalla Livorno Boxe Salvemini, con in cabina di regia Donato Salvemini, Sergio Pulimeno, Sergio Palazzolo e Dina Sansonna. Al PalaCosmelli di via S. Allende boxe spettacolo a livello giovanile, in onore nel ricordo di un grande appassionato di pugilato (il signor Mario) che, nei “tempi eroici” della noble art labronica, aveva sponsorizzato anche alcuni match del mitico Franco Nenci.

Una riunione pugilistica quella dell’ultimo fine settimana, iniziata nel primo pomeriggio con l’esibizione, o se preferiamo il saggio giovanile, per un paio d’ore, di una bella nidiata (29 per la precisione) di baby boxer, della Livorno Boxe Salvemini. Bambine e bambini che, in maniera soft, tra ripetuti e scroscianti applausi, hanno dato un saggio della loro bravura e del loro amore, seppure ai primi albori, per questo sport. A fare da cornice, amichette/i, genitori, zii e nonni, in un clima familiare quanto mai gratificante per tutti. Nel pomeriggio la seconda parte del programma: a salire sul ring, sono stati i più grandicelli delle categorie Schoolboy (14-15 anni), Junior (16 -17 anni), Youth (età maggiore di 17 e minore di 19anni). In tabellone ben 15 match preceduti da un incontro esibizione senza verdetto. Una vera e propria maratona pugilistica, quella proposta dagli organizzatori, ai tanti spettatori presenti sulla tribunetta, che è andata avanti per quattro ore: dalle 17 alle 21. A conti fatti, quindi, ben sei ore di pugilato giovanile tutte in una volta. Se non è un record, alle nostre latitudini, poco ci manca.

I match? Su ring, all’angolo rosso, tanti pugili di Livorno e più in generale della Toscana e all’angolo blu, invece, boxer in grande maggioranza delle Fiamme Oro (di Marcianise in primis) e giovani pugili arrivati anche della Sicilia, non certamente per fare una gita di piacere ma per mettersi in bella mostra. Ma andiamo più nel dettaglio. A scaldare l’ambiente il match esibizione, senza verdetto, ma bello e spettacolare, della cat. Schoolboy (80 Kg), tra Ghiorghita Corpaci della L. B. Salvemini e Carlo Moceo del B. Team Tranchina. Poi il primo match ufficiale di giornata, della cat. Junior 77 Kg, vinto ai punti da Angelo Cavallini della Boxe Nicchi di Arezzo, su Giuseppe Raffaele del G.S. Fiamme Oro. Successo ai punti anche nel secondo match della serata, ad alzare le braccia al cielo, Alessandro Bramerini, della Boxe Siena Mens S. nella cat. Schoolboy 52 Kg, grazie al successo su Cristian Mazzarella del G.S. Fiamme Oro.

Bella entusiasmante e spettacolare la vittoria di Ilyas Souda, classe 2008, nella cat. Schoolboy 60 Kg, contro Cosimo Epifani, delle F. Oro. L’epilogo dopo 1’ e 22” della seconda ripresa, per sospensione cautelare del match. Nei pochi minuti in cui è rimasto sul ring, Ilyas Souda ha dato un saggio delle sue grandissime potenzialità che gli hanno già spalancato le porte della nazionale. Patrizio Oliva, CT della nazionale giovanile, tra qualche giorno lo porterà in Polonia per due test-match, come preparazione ai campionati europei, in programma ad Agosto in Turchia. Europei, per i quali, Ilyas si messo in tasca il biglietto grazie alla doppia vittoria nelle qualificazioni alla rassegna continentale di Latina. Per lui anche targa premio come miglior pugile della serata.

La qualificazione di Ilyas Souda per gli europei giovanili ha fatto gonfiare il petto di orgoglio anche al suo maestro Donato Salvemini. Ascoltiamolo: «Ilyas è il quarto pugile del nostro team che si è guadagnato la qualificazione alla rassegna continentale. Prima di lui a staccare il biglietto sono stati: Filippo Gressani nel 2013, Matilde Cammarota nel 2014 e Emanuele Santini nel 2016. E tutti e tre sono tornati a casa con la medaglia di bronzo al collo. Speriamo che Ilyas possa far meglio anche di loro». Bravissimo sul ring, il 14enne Ilyas, ma anche con la testa saldamente sulle spalle. «Il prossimo anno andrò alle superiori, all’istituto industriale, indirizzo Meccanica. Mi piace fare sport ma anche studiare».

Gli altri mach? Nel quinto, nella cat. Schoolboy 42 Kg, vittoria ai punti di Lapo Giombini del C. Sport. Combattimento (Fi), battendo, ai punti, Manuel Ventimiglia (P. Scalia). Nel sesto match, invece, bella vittoria di Federico Cannone, classe 2006, su Christian Bart Iorio dell’Excelsior Boxe Marcianise, per interruzione cautelare del match alla 2° ripresa. Disco rosso, invece, per il fratello Leonardo Cannone, classe 2004, nella cat. Youth 70 Kg, contro Tiziano Ferro delle F. Oro. Al bravo Leonardo non sono stati sufficienti grinta, temperamento e classe per costringere alla resa il forte avversario.ù

Nella cat. Junior 44 Kg, in bellissima evidenza e vittoria prima del limite, per Sasha Mencaroni, della P. Lucchese, con all’angolo il maestro Ivo Fancelli. Ad alzare bandiera bianca, di fronte a Sasha, Samuele Martucci della F. Oro, anche in questo caso, per misura cautelare, ma su iniziativa del coach di Martucci, dopo averlo visto in chiara difficoltà. Sempre nella cat. Junior, ma al limite dei 58 Kg, vittoria di Mattia Cucini della P. Colligiana, su Antonio Di Giuseppe delle F. Oro. Nel decimo match, tra Niccolò Feducci e della F. Club Boxing e Carmine Di Dato del G.S. Fiamme Oro, nella cat. Junior 48 Kg, a prevalere ai punti al termine di un incontro dagli alti contenuti agonistici, il pugile campano Di Dato.

Match pari, invece, tra Jacopo Ghini della AV B. Team e Antonio Sergio, del G.S. Fiamme Oro, nella cat. Junior 54 Kg. Pareggio, pure tra Michele Giannone della Spes Fortitude, con all’angolo il maestro Ivo Fancelli, nel match con Angelo Mincione del G.S. Fiamme. Un verdetto che oltre a Ivo Fancelli è apparso poco equo anche al grande Luca Tassi: «Giannone avrebbe meritato la vittoria». Braccia al cielo, nel 13esimo match in cartellone, di Francesco Di Spazio, del G.S. Fiamme Oro, nella cat. 60 Kg. Ad arrendersi, di misura, a Di Spazio, al termine di un match bello e combattuto, Ruben Assignon del Fight C. Boxing di Firenze.

Bello e spettacolare anche il 14esimo match, finito in parità, tra Mattia Behai dell’Acc. dello Sport e Alessio Guida delle Fiamme Oro, nella cat. Junior 63 Kg. All’angolo del bravo Behaj Luca Tassi e Federico Gonzaga. A Luca Tassi, prima dell’inizio dell’incontro, tra montagne di applausi, è stata consegnata una targa ricordo come premio della sua spettacolare carriera e per il contributo che ha dato al pugilato livornese. Premio quello ricevuto dal grande Luca, «Super meritato» anche nelle parole di Donato Salvemini.

Vittoria ai punti pure per lo Junior Bryan Lay delle Fiamme Oro, su lo Youth Samuele Ugolini del C. Sport Combattimento, nella cat. 69 Kg. Nell’ultimo match, in tabellone, invece, successo per lo Youth Acharaf Lekhal, sullo Junior Francesco Savarese delle Fiamme Oro, nella cat. 67 Kg. All’angolo del bravissimo Lekhal, il maestro Ivo Fancelli che 3 volte alla settimana lo allena alla Pug. Lucchese. Nota di merito, infine, per la nostra Super Arbitro Veronica Ponsiglione.

Esibizione Bambini

Ecco il nome dei 30 bambini, della Livorno Boxe Salvemini, che hanno partecipato all’esibizione iniziale. Alessandro De Santis, Antonio Guarino, Nermine e Yasmine Ghilani, Rayan e Hajar Bourazdi, Melissa Deshas, Noemi Marchi, Anna Cini, Andrea Balieri, Matteo Schillaci, Dario Franceschi, Filippo Cannizzo, Lucrezia Diotallevi, Alessio Chierchia, Leonardo Palumbo, Jacopo Volpi, Alessio Bigoni, Lika Kuznetcova, Alessandra Arimondi, Francesco Ciliberti, Tommaso Giachetti, Leonardo Tei, Niccolò Battaglia, morgana Coltelli, Irene Rafanelli, Bryan Carmignani, Giovanni Bruna e Isabella Piperno. Staff dirigenziale Responsabile riunione Emiliano Mininni. Arbitri: Fajk Zaimi, Samantha Forattieri e Veronica Ponsiglione. Cronometrista Tancredi Gioia.l

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.