Il Tirreno

Livorno

Luci dirige, il Toro c’è, Durante segna Questo Livorno ormai sa solo vincere

Alessandro Lazzerini
Luci dirige, il Toro c’è, Durante segna Questo Livorno ormai sa solo vincere

Successo 3-2 nell’amichevole allo stadio col Seravezza, squadra di serie D. Nota negativa: l’infortunio a Palmiero

31 dicembre 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Alessandro Lazzerini

livorno Infortuni, positività al Covid ed arrivi dal mercato hanno portato Livorno a cambiare alcuni elementi nell'allenamento congiunto contro il Seravezza Pozzi. Davanti niente Ferretti, con Vantaggiato che torna titolare da prima punta. Titolari anche Russo e Luci, rispettivamente al posto di Ghinassi e Gargiulo, mentre al fianco dell’ex Carrarese c’è Pecchia, schierato inusualmente da mediano per l’assenza di Apolloni.

Quello che non cambia però negli amaranto di Francesco Buglio è l’atteggiamento. Il Livorno anche contro i verdazzurri, ottima squadra di Serie D, ha seguito il proprio canovaccio tattico. Grande attenzione e densità in fase difensiva e poi abilità nelle ripartenze. Esattamente come accaduto in occasione del primo gol, quando la squadra ha recuperato bene palla sulla propria trequarti ed è arrivata in area avversaria grazie ad una galoppata del solito Giuliani. Sulla respinta del portiere Calzetta, è stato bravissimo Frati a trovare il pertugio giusto. E se le ripartenze sono state il fiore all’occhiello dell’ultima uscita amaranto del 2021, quello che ha funzionato solo a tratti è il palleggio e la gestione del possesso per rallentare o accelerare i ritmi della partita.

Bene in alcuni frangenti (in particolare nella seconda metà del primo tempo, meno bene in altri come a metà della ripresa quando l’uno-due di Benedetti ha punito gli amaranto, vistosamente stanchi e imprecisi tecnicamente in più di un’occasione. Ancora una volta però questa squadra ci porta a sottolineare un reazione che è arrivata anche in amichevole.

Nonostante l’assenza dei tre punti in palio, gli amaranto si sono riversati in avanti con impeto ed anche ottime triangolazioni. Su una di queste, con Ferretti che ha servito Durante, è arrivato il pari grazie ad un bel diagonale del classe 2002 che si è ripetuto su un lungo lancio di Russo due minuti dopo. Davvero un grande impatto sul match per il numero 19.

Il nuovo arrivato Luci è stato ottimo in fase di non possesso con una valanga di palloni recuperati, poi la solitra gestione ordinata. Vantaggiato ottimo nel primo tempo con tre occasioni nitide da gol (un palo su punizione), poi un inevitabile leggero calo nella ripresa.

DIFESA COMUNQUE OK

Per chi non avesse visto la partita, lo diciamo subito: non devono ingannare i due gol subiti. Il primo è stato un autentico capolavoro di Benedetti, con una punizione perfetta ed anche il secondo è stato un gran gol del centravanti ospite dopo un contropiede arrivato per una palla persa molto ingenua di Marinai. Il giovane classe 2002 ha comunque fatto vedere buoni spunti e dopo tanti mesi fermo avrà bisogno di entrare nei meccanismi della squadra.

Meccanismi che invece sembrano funzionare ottimamente per i quattro centrali scesi in campo. Sia Russo-Giampà nel primo tempo che Ghinassi-Milianti nella ripresa hanno arginato costantemente gli attacchi del Seravezza che vanta due giocatori come Rodriguez e Benedetti che sono di alto, se non altissimo livello per la Serie D. E poi un trequartista, Saporiti, classe 2001, che ha mostrato giocate di estrema qualità, oltre ad una personalità da giocatore navigato. Per lui tanti apprezzamenti al Picchi e chissà che non sia entrato nel mirino del Livorno, visto che anche nella prossima stagione sarà quota. Per chiudere, l’unica nota negativa di giornata, vale a dire il nuovo infortunio muscolare a Giuseppe Palmiero. Si parla di una ricaduta nello stesso punto che lo aveva costretto allo stop nelle settimane scorse. Sicuramente non una buona notizia per Buglio che rimane con due soli terzini under, anche se la pausa decisa dal CRT sicuramente lo aiuta.



Primo piano
di Matteo Scardigli

Corriere scomparso, ritrovato il cadavere durante il sopralluogo alla villetta ad Arcidosso. I misteri ancora da chiarire