Il Tirreno

Livorno

danza sportiva 

Classe, ritmo e un bel bronzo Di Nasso-Mazzoni super a Riccione

G.T.
Classe, ritmo e un bel bronzo Di Nasso-Mazzoni super a Riccione

29 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Una grande, grandissima soddisfazione dopo più di un anno di stop a causa della pandemia. Nei giorni scorsi, al Playhall di Riccione per la manifestazione nazionale Fids RiparTiamo, la società Livorno danza maestra Filippi ha ritrovato il sorriso grazie al terzo posto nella combinata caraibica di Daniel Di Nasso e Alice Mazzoni (classe A2, 16-18 anni). I due ballerini di danza sportiva, cresciuti alla Rosa, hanno stupito tutti portando a casa una splendida medaglia di bronzo. Fondamentale il lavoro della maestra Lisa Cheti, presente a Riccione con Di Nasso e Mazzoni.

«È stata una giornata indimenticabile, carica di adrenalina sotto ogni punto di vista - racconta Cheti - nonostante le porte chiuse a causa dell'emergenza sanitaria, le emozioni non sono mancate. Daniel e Alice sono stati bravissimi, erano al debutto nella nuova classe e si sono fatti trovare pronti. Voglio fare i complimenti agli organizzatori perché l'evento è stato gestito in totale sicurezza e con grande professionalità. Per noi i palazzetti rappresentano la vita quotidiana, tornarci dopo oltre un anno è stato qualcosa di unico».

Viste le restrizioni e le misure anti-contagio, il presidente Giovanni Adamo e la storica maestra Gemma Filippi sono stati costretti a seguire la gara in streaming, festeggiando a casa per l'ottimo risultato dei due ballerini. «Che orgoglio», dicono. E ora il mirino è puntato sui campionati italiani di categoria, in programma tra il 10 e il 18 luglio a Rimini.

«Ci saremo sicuramente - commentano Adamo e Filippi - l'intenzione è quella di partecipare con il maggior numero di atleti, cercando di fare il massimo in ogni specialità: hip hop, show dance e danze caraibiche». —

G.T.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
di Matteo Scardigli

Corriere scomparso, ritrovato il cadavere durante il sopralluogo alla villetta ad Arcidosso. I misteri ancora da chiarire