Il Tirreno

Livorno

Città e progetti

Livorno, bella la nuova piazza Colonnella ristrutturata: «Ma di notte è già un parcheggio»

Livorno, bella la nuova piazza Colonnella ristrutturata: «Ma di notte è già un parcheggio»<br type="_moz" />

Dopo mesi di lavori il sindaco Salvetti ha tagliato il nastro: «Ero in astinenza» Intanto proseguono gli interventi per la nuova palladiana: giovedì la prima posa

09 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Livorno Inaugurata ieri piazza Colonnella, una cerimonia con taglio del nastro ( «ero in astinenza» dirà il sindaco scherzandoci su e prendendosi un pezzettino da mettere nella scatola nel suo ufficio insieme al resto della collezione). Ma in realtà da oltre tre settimane l’area si presentava tutta rimessa a nuovo. Senza più barriere architettoniche, motorini o bici incatenate e abbandonate e con un marciapiede rimesso a nuovo sia al bar 4 Mori che davanti la gelateria sul lato opposto. Le fontane in funzione in attesa che si posizionino all’uscita degli zampilli, griglie anti intrusione perché dopo il restauro c’è chi si è divertito a inserire cenci o carte. Presto vedremo un’illuminazione dall’alto che valorizzi ancora di più queste belle copie delle fontane del Tacca e anche, come già anticipato dal Tirreno, paletti con catene sul lato corto del Vinaino, impedendo agli scooter di parcheggiare sull’ultimo tratto di via Generale Tellini, perché rovinano l’estetica dell’insieme. Lì, andranno anche delle aiuole. I posti per le due ruote, saranno invece sul lato opposto, dove c’è il retro del ristorante 4 Mori. E poi, come ha detto l’assessora Silvia Viviani che ormai non ha più la delega ai lavori pubblici, passata a Federico Mirabelli, ma che del progetto si è occupata, c’è sempre il tempo, grazie al confronto, di prevedere qualcosa di verde (ma che non siano alberi) per rendere più vivibile questo spazio, presumibilmente con la collaborazione per cura e manutenzione delle attività commerciali attigue.

Parcheggio auto

«Guardi che la sera, qui, è parcheggio selvaggio di auto; è vergogna». Un cittadino residente in zona si avvicina Salvetti e gli fa l’inaspettata segnalazione. La sera, a una certa ora, persone che per guadagnare tempo e raggiungere ancor prima locali o baracchette vicine, salgono con la macchina su piazza Colonnella. Specialmente quella lato banca. Tra l’altro, la pavimentazione non è concepita per sopportare il peso delle macchine e il rischio è rompere le lastre rendendo vano il maquillage e l’impiego di denaro pubblico. Il primo cittadino ha ringraziato, promettendo «guerra a comportamenti privi di senso civico» che mettono anche in difficoltà i gestori che certo colpe non ne hanno.

Gli altri cantieri

Si sta già lavorando da giorni sia all’attraversamento di via Piave, sia nel tratto di via Cogorano che parte dalla farmacia comunale e arriva all’angolo con la libreria Giunti. Nel primo caso, sarà anche il modo di capire come saranno tutti gli altri passaggi che su ambo i lati interrompono i porticati. Leggermente a dosso, con le scritte su bozze presumibilmente in ottone, a riportare nomi di personaggi famosi nella storia recente e passata di Livorno. Ieri mattina, gli addetti di Edinfra, prendevano misure con gli strumenti tecnici, per calcolare le pendenze giuste. Ed è arrivata anche la spiegazione del perché per alcuni giorni tutto si era fermato: una cisterna interrata rinvenuta e alcuni tubi Asa. Indagini per capire se attivi oppure no. E poi, un massetto in cemento armato più spesso di quanto sembrava. Se tutto andrà come da piani, in venti giorni, tutto sarà pronto. Si prosegue con buon ritmo sulla via Cogorano, dove lavorano quelli di Frangerini. L’ingresso alla farmacia è garantito, così anche al condominio nell’angolo interno attraverso un corridoio nella rete di recinzione. Come ha spiegato anche l’architetta Valentina Pieri (direzione dei lavori) per conto di Ipostudiomdi Firenze, il massetto dell’intero tratto è quasi finito e giovedì si comincerà a posare le prime mattonelle di Nuova Palladiana. Un paio di bancali sono già lì, fasciati in spesso cellophane e presto saranno raggiunti da altri per ricoprire l’area interessata.

Primo piano
La tragedia

Pisa, muore pallavolista di 32 anni a tre giorni dal malore in campo durante un torneo

di Andreas Quirici