Il Tirreno

Livorno

Sos truffe

Sostituiscono l’Iban di un’azienda e dirottano 10.000 euro sul loro conto: nei guai due livornesi

Una persona mentre scrive a un computer (foto d'archivio)
Una persona mentre scrive a un computer (foto d'archivio)

Denunciati in Campania una ventitreenne e un trentatreenne. Avrebbero sostituito il codice bancario intascando i soldi via bonifico

11 maggio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Livorno Sono accusati di essersi introdotti nel sistema informatico di un’azienda, dirottando i bonifici verso di loro. Due giovani sono stati denunciati dai carabinieri di Lauro, nella provincia campana di Avellino, per frode informatica. Secondo i militari dell’Arma i responsabili sono un trentatreenne e una ventitreenne, entrambi di origini rumene.

Tutto è partito dalla denuncia di un’imprenditrice del luogo, che aveva notato il mancato accredito di alcuni bonifici che i clienti avevano effettuato per dei servizi erogati. Stando poi alle risultanze investigative sarebbero emerso che la coppia sarebbe riuscita a introdursi nel sistema informatico della ditta campana, sostituendo l’Iban dell’impresa registrato nel sistema di fatturazione elettronica con uno riconducibile a un loro conto corrente per ricevere i soldi.

L’attività svolta dai carabinieri «ha permesso di recuperare gli oltre diecimila euro sottratti all’impresa. Sono tuttora in corso indagini finalizzate sia all’individuazione di eventuali complici sia ad accertare responsabilità degli stessi in analoghi episodi criminosi», spiega l’Arma.

 

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole